Elisa e Gianluca insieme fino alla fine, il vicino in lacrime: «Volevano sposarsi»

Il racconto e lo sgomento di chi conosceva bene Gianluca ed Elisa

Gianluca Carotti ed Elisa Del Vicario

Gianluca ed Elisa insieme anche nella morte, che li ha sorpresi proprio quando stavano pensando di scambiarsi il grande “sì”. E’ stato proprio il vicino di casa della coppia, Gaetano Riccio (conosciuto dal vicinato con il soprannome di Alessandro), a raccontare in lacrime i sogni spezzati dei due fidardensi che hanno perso la vita nell’incidente di sabato notte a Porto Recanati. «Il destino ha voluto che le cose andassero diversamente, si volevano sposare ma per colpa di un balordo è andato tutto al contrario».  Il vicino racconta di aver frequentato spesso Gianluca ed Elisa: «Li vedevamo tutti i giorni, spesso venivano a prendere il caffè qui, erano persone squisite. Sabato mia moglie è scesa dalle scale e mi ha mostrato il cellulare dicendo ‘guarda cosa è successo’ e io ho iniziato a piangere. Sono andati via troppo presto, morire di vecchiaia va bene ma così no». Sia Gianluca Carotti che Elisa Del Vicario uscivano da precedenti matrimoni e una volta sistemate le formalità burocratiche, secondo il vicino, sarebbero convolati a nozze. Sabato sera è stato Riccardo, il figlio di Gaetano, a vedere la coppia per l’ultima volta insieme ai bambini vestiti già con i costumi di carnevale. Stavano andando alla festa dalla quale i genitori non sarebbero più tornati. Ora c’è da pensare proprio ai bambini, entrambi rimasti feriti nell’incidente: «Qualcuno dovrà prendersi la briga di raccontare loro cosa è successo» conclude il vicino di casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sia Gianluca che Elisa erano molto conosciuti a Castelfidardo anche per l’impegno di entrambi nel sociale. Lei, segretaria di professione, era volontaria del gruppo "Raoul Follereau" e si impegnava per i disabili. Aveva organizzato una festa di carnevale in programma per domenica pomeriggio e naturalmente annullata. Venerdì scorso Demitrio Carini l’aveva vista per le formalità relative a una bolla di consegna: «Elisa la conoscevo fin da ragazzina e posso dire che di famiglie come la sua ce ne sono poche». A pochi passi dalla casa in cui si era trasferita la coppia vive anche Onorio Frati: «Erano persone serissime e impegnate nel volontariato, squisite dal punto di vista del vicinato». Gianluca, ex calciatore della squadra di Castelfidardo, allenava i pulcini del Villa Musone. In passato aveva prestato servizio civile nella Croce Verde per poi proseguire con un periodo di volontariato. Gli amici, tra cui Luigi Luchetti, ne ricordano il sorriso e il fare da compagnone: «Gianluca stava bene con tutti, era sempre pronto allo scherzo ma era anche sempre disponibile per chiunque». Don Andrea Cesarini, parroco della chiesa di Sant’Agostino che domenica sera ha ospitato una veglia, trattiene a stento le lacrime: «Ci siamo visti per pregare tutti insieme, credo che oltre al bisogno di pregare c’era quello di fare comunità per non vivere in solitudine questo dolore. Erano due ragazzi meravigliosi, hanno frequentato la comunità cristiana assiduamente, portavano i figli a catechismo e lasciano due grandi insegnamenti». Uno in particolare, conclude don Andrea: «L’aver messo al centro della loro vita quello che il mondo solitamente mette al margine, cioè l’attenzione ai soggetti deboli di questa società. Due belle persone, davvero».  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento