Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Ex Mutilatini, "Portonovo per Tutti" incontra i privati per ottenere finanziamenti europei

A novembre il Comitato incontrerà l'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra e il Consorzio la Baia di Portonovo. A favore del progetto, dipartimenti dell'Univpm, Ente Parco del Conero e la Regione Marche

Il 20 dicembre ci sarà un grande evento pubblico per mostrare alla cittadinanza il progetto sui Mutilatini pensato dal Comitato Portonovo per Tutti, realizzato con l'aiuto di professionisti tra cui architetti. Saranno presenti anche personaggi di rilievo del mondo anconetano. L'idea è di utilizzare il secondo piano come ostello e foresteria (4-5 stanze con 55/60 posti) mentre il piano terra come sala polifunzionale (diverse sale comuni dove fare convegni, scuola ecc...).

Il Comitato apre le porte a chiunque avanzi proposte che rispettino le finalità sociali e culturali alla base del progetto. Il mese di novembre sarà ricco di incontri importanti, anche con privati. In questo modo il Comitato, prova ad ottenere i finanziamenti europei per la ristrutturazione dell'immobile. «Con un cofinanziamento pubblico-privato, il Comune resta il proprietario dei Mutilatini ma da in concessione il bene  in modo da ottenere i fondi europei» commenta Andrea Fantini, portavoce del ComitatoColonia Mutilatini Ancona-2

Il rettore dell'Univpm Sauro Longhi ha smentito l'ipotesi di acquisto dell'ex colonia in quanto non prevista nel piano di edilizia triennale dell'Università. A quanto pare però, ci sarebbero singoli dipartimenti dell'Università interessati alla struttura come il Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente e il Dipartimento di Energetica. A favore del progetto del Comitato Portonovo per Tutti anche l'Ente Parco del Conero e la Regione Marche. Ci sono infatti ingenti fondi europei del Por e del Psr nonché della Macroregione Adriatico Ionica. Il 13 novembre il Comitato incontrerà l'Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra mentre è in programma un incontro con il Consorzio la Baia di Portonovo.

Da fissare poi un incontro con la giunta, ancora decisa a voler vendere i Mutilatini, per presentare il progetto definitivo. «La Banca Etica presterebbe un milione di euro. In 10 anni tornerebbe il finanziamento. Due milioni di euro è il valore d'acquisto dell'immobile. Per la ristrutturazione abbiamo valutato circa 1.500€ a mq quindi ci vorrebbe circa un milione di euro» afferma Fantini. Intanto, sulla rete è possibile vedere il video "la Storia che vorremmo" che ripercorre la storia dei Mutilatini fino ad oggi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Mutilatini, "Portonovo per Tutti" incontra i privati per ottenere finanziamenti europei

AnconaToday è in caricamento