Consorzio di Bonifica delle Marche, esposto in procura del Movimento 5 Stelle

Peppino Giorgini, consigliere regionale pentastellato: «Illegittima la riscossione coattiva dei contributi verso i proprietari dei terreni»

Peppino Giorgini, consigliere regionale M5S

Un esposto in Procura per far luce sulle modalità di riscossione adottate dal Consorzio di Bonifica delle Marche nei confronti dei proprietari dei terreni soggetti al pagamento dei contributi. A formalizzarlo, il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, Peppino Giorgini, supportato dai senatori pentastellati Giorgio Fede e Mauro Coltorti. I tre esponenti M5S lo hanno depositato presso i tribunali di Ancona, Pesaro, Macerata, Fermo e Ascoli ritenendo che «l'attivazione della procedura coattiva di riscossione da parte del Consorzio di Bonifica delle Marche non sia consentita in base alla legislazione vigente e possa dunque integrare la condotta prevista e punita dall'articolo 323 del Codice Penale».

Spiega Giorgini: «Per tutti i destinatari degli avvisi bonari che non hanno provveduto al pagamento dei contributi richiesti il Consorzio ha attivato la procedura di riscossione coattiva mediante ruolo incaricando Equitalia che, a sua volta, ha notificato un enorme numero di cartelle di pagamento a carico di tutti i soggetti che non avevano spontaneamente adempiuto all'avviso bonario». Tutto nasce da un Regio Decreto mussoliniano, il 215/1933, che conferiva ai consorzi di bonifica il potere di riscuotere a mezzo ruolo. «Che però è stato abrogato nel 2010» ricorda Giorgini, citando nell'esposto alcune sentenze di giudici tributari che avallano tale evidenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Avendo probabilmente perso il potere di riscossione coattiva mediante ruolo dei contributi dovuti dai soggetti consorziati – rimarca Giorgini -, noi riteniamo possibile che il Consorzio di Bonifica delle Marche, avvalendosi appunto di tale procedura, abbia prodotto un ingiusto vantaggio patrimoniale in favore di se stesso, con conseguente danno dei soggetti consorziati che si sono visti indebitamente notificare una cartella di pagamento da parte dell'agente incaricato della riscossione. Con l’esposto presentato presso tutte le procure della regione Marche chiediamo appunto all'autorità giudiziaria di verificare se siano/sono stati configurati dei possibili reati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento