Rischiò di morire in un incidente, ora sogna le Olimpiadi: «Gareggerò per l'Italia»

Endri Bani, 28enne albanese, ha ricevuto la cittadinanza dal sindaco di Ancona. Investito da un'auto pirata, ha perso una gamba: adesso si allena per Tokyo 2020

Endri Bani e il sindaco Valeria Mancinelli

Dalla paura di morire a un sogno a cinque cerchi. In mezzo, un terribile incidente che ha stravolto la sua vita, l’ha lasciato senza una gamba, ma non senza la voglia di lottare, amare e coltivare le sue passioni. E’ la storia di Endri Bani, nato a Divjakë, in Albania, nel 1991, ma da una ventina d’anni nel nostro Paese e da 6 ad Ancona. Ieri il sindaco del capoluogo dorico, Valeria Mancinelli, gli ha conferito la cittadinanza italiana. Al giuramento sulla bandiera tricolore c’erano anche i parenti e le due muse ispiratrici, la moglie Egxhona e la figlia Andrra, 3 anni e già avviata al nuoto agonistico e alla danza. Dopo aver rischiato di morire per colpa di un pirata della strada - mai rintracciato - che in una notte d’estate ha centrato la sua moto, l’ha fatto volare in un fossato e poi si è dato alla fuga, oggi Endri è impegnato in un lungo percorso di riabilitazione, dopo il coma, 7 interventi chirurgici e due mesi passati in ospedale. Ma ormai la “road to Tokyo 2020” è tracciata.

Il sogno a cinque cerchi

«Sogno di partecipare alle Paralimpiadi. Con la nazionale azzurra, ovviamente, perché dopo 13 anni di lavoro stabile finalmente sono diventato cittadino italiano - dice -. Non dimentico le mie origini, ogni sei mesi torno in Albania, ma amo questo Paese e voglio rappresentarlo ai Giochi olimpici. Ho ripreso ad allenarmi e da gennaio mi sottoporrò a due interventi nel Centro Protesi Inail di Budrio. Mi verrà impiantata una protesi bionica alla gamba: tornerò a camminare, a correre, a nuotare. Poi parteciperò alle gare con la Federazione dell’Inail per qualificarmi a Tokyo 2020». Dove conta di portare in alto i colori dell’Italia e di Ancona, la sua città adottiva. «La sindaca si è messa a piangere quando mi ha ricevuto, voleva essere lei in persona a darmi la cittadinanza - racconta Endri -. Mi ha regalato anche un tricolore con una piccola dedica. La mia storia l’ha colpita molto. Fino all’estate scorsa la mia vita era normalissima: facevo il camionista di giorno e il cameriere la sera per guadagnare di più e mantenere la mia famiglia. La notte del 25 luglio 2019 è cambiato tutto. Era l’una, sono uscito dal ristorante in cui lavoravo a Sirolo, sono salito sulla mia moto, sono un ducatista sfegatato, ma sulla strada verso casa ho sentito una cannonata alle spalle: un’auto mi ha tamponato, sono caduto, l’impatto mi ha tranciato una gamba e sono volato in un fosso. Sono rimasto lì due ore, mentre il pirata della strada è scappato. Sentivo un dolore atroce, perdevo tantissimo sangue. Per arrestare l’emorragia, mi sono tolto la bandana e l’ho legata al ginocchio. Avevo le clavicole rotte, il bacino sbriciolato, le ossa ridotte a un centimetro. Pensavo di morire, ma il casco mi ha salvato la vita. Poi è arrivato un gruppo di ragazzi, si sono accorti di me e hanno chiamato i soccorsi». Oltre a terribile danno, anche la beffa: per chi ha rilevato l’incidente, il centauro avrebbe fatto tutto da solo. Nessun pirata, insomma. «Mi hanno ritirato tutte le patenti, poi me le hanno restituite perché il contachilometri si è fermato a 53 all’ora e non avevo nemmeno una goccia di alcol in corpo: come facevano a dire che non sono stato tamponato, se la moto è distrutta nella parte posteriore e a terra c’erano 6 metri di frenata di un’auto?». Nessun testimone, nessuna telecamera in zona: un incidente fantasma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ritorno alla vita

Endri è stato in coma per tre giorni. Per due settimane è rimasto intubato. Poi ha trascorso un lungo periodo nella rianimazione dell’ospedale regionale di Torrette e in ortopedia, dove pian piano è tornato alla vita. «I medici sono stati fantastici, le infermiere piangevano con me quando sentivo dolore, come in una famiglia. Sono riusciti ad evitare l’amputazione anche dell’altra gamba. Ho fatto 7 interventi chirurgici, il dottor Raffaele Pascarella, che ha operato anche Valentino Rossi, è stato eccezionale. Da questa esperienza posso dire che Torrette è uno dei migliori ospedali d’Italia». Adesso per Endri è cominciata una nuova vita. «Quell’incidente mi ha stravolto l’esistenza, ma per fortuna ho mia moglie, mia figlia, mio papà, tanti amici: mi portavano i pesi all’ospedale perché potessi cominciare ad allenarmi sul lettino, per non farmi sentire la mancanza della palestra». E adesso, il 28enne non vede l’ora di prenotare i biglietti per Tokyo 2020, con il suo nuovo passaporto italiano. «Sono un pugile, ma alle Paralimpiadi non è prevista la boxe, per questo mi preparerò per concorrere in altre due discipline: l’atletica leggera e la pesistica». Coraggio Endri: il Giappone non è poi così lontano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

  • Reparti Covid sold out a Torrette, scatta il blocco delle ferie per infermieri e Oss

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento