Ecosistema Scuola: Ancona nella top ten per la manutenzione

Presentato il rapporto annuale di Legambiente: nelle Marche il pericolo numero uno è il rischio sismico, poco invece l'amianto. Bene anche per cibi biologici e scuolabus

È stato presentata questa mattina il dossier relativo alla XII edizione di Ecosistema Scuola, la ricerca annuale di Legambiente sulla qualità delle strutture e dei servizi della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado dei Comuni capoluogo di Provincia. I dati presentati sono relativi al 2010 e sono stati raccolti tramite questionario.
Dei 91 capoluoghi che hanno risposto all’indagine prima tra le marchigiane si posiziona Pesaro al 34° posto, seguita da Ancona al 40°, Macerata al 52°. Chiude Ascoli Piceno, al 66° posto.

Nelle Marche sono in crescita gli investimenti per la manutenzione straordinaria degli edifici, con una media di circa 34mila euro spesi per ogni struttura.
A primeggiare è la città di Ancona, che compare nella top ten nazionale dei comuni che investono di più per manutenzione straordinaria:  oltre 62mila euro ogni singolo edificio.
Il 70% degli edifici scolastici considerati, infatti, ha goduto di manutenzione straordinaria negli ultimi 5 anni, a fronte di un 17,95% di edifici che necessita manutenzioni urgenti.
Ancora pochi però gli edifici marchigiani con tutte le certificazioni in regola.
Il rischio sismico si rivela la maggiore minaccia per gli istituti della Regione, con l’83,97% delle strutture in pericolo.
Nel 75% degli edifici è stato fatto un monitoraggio sulla presenza di amianto e non è stato certificato nessun caso sospetto.

Ancora insufficiente l’attenzione per l’ambiente e per l’efficienza energetica e le rinnovabili nelle scuole prese in considerazione: solo il 26,80% degli edifici utilizza fonti d’illuminazione a basso consumo, e nell’8,97% sono stati installati impianti alimentati da energia rinnovabile.
Carta e plastica sono i rifiuti più riciclati con rispettivamente il 53,21% e il 50% seguiti dall’alluminio con il 34,62%.
Passando all’analisi dei servizi, tutti i comuni intervistati finanziano progetti educativi e nel 66,67% dei casi collaborano ad attività e iniziative per gli under 14.
Il 66,67% delle scuole mette a disposizione un servizio di scuolabus mentre sono ancora poche le scuole che hanno predisposto e attrezzato un percorso per il piedibus, il 7,25%.
Buone le pratiche a tavola: nelle mense vengono serviti pasti biologici nel 73% dei casi, si beve acqua del rubinetto nel 78,21% delle scuole e il 64,89% utilizza piatti in ceramica o riutilizzabili.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Vitamina D: perché è importante, dove trovarla e come accorgersi di una carenza

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Coronavirus, screening di massa con tampone antigenico rapido nelle Marche

  • Emergenza Covid, Acquaroli preoccupato: «Rischiamo crisi economica impressionante»

Torna su
AnconaToday è in caricamento