rotate-mobile
Cronaca

“Droga dello stupro”, scarcerato l’anconetano: andrà ai domiciliari

La decisione è arrivata dal Tribuna del Riesame dopo la richiesta dei legali difensori. Non sembra ci possano essere le basi per ipotizzare lo spaccio

E’ stato scarcerato il quarantaseienne anconetano, incensurato, trovato nei giorni scorsi in possesso della cosiddetta “droga dello stupro”, tecnicamente chiamata Gbl. Sarà posto da subito agli arresti domiciliari per effetto della decisione del Tribunale del Riesame dopo la richiesta portata avanti dai suoi legali difensori Ennio Tomassoni e Marina Magistrelli.  

Al momento non sembrano esserci basi solide per ipotizzare lo spaccio della stessa sostanza che non sarebbe stata utilizzata né per fini di vendita né per scopi sessuali. I flaconi, acquistati dall’Olanda in maniera facilmente tracciabile, sono arrivati all’aeroporto di Fiumicino e poi attraverso mezzo espresso nel capoluogo. Dopo dieci giorni dall’arresto, quindi, il commerciante anconetano può tornare a casa e lì dovrà rimanere fino ad ulteriori altri sviluppi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Droga dello stupro”, scarcerato l’anconetano: andrà ai domiciliari

AnconaToday è in caricamento