Cronaca

Perde il lavoro e diventa pusher, arrestata due volte nel giro di tre giorni

Questa mattina si è ripetuto il rito direttissimo nei confronti dell'imputata che, di fronte al giudice, si è difesa sostenendo che quella roba era solo per suo uso personale, come del resto si era difesa già due giorni fa nelle stesse circostanze

Si era messa a spacciare dopo aver perso il lavoro e ieri è stata arrestata per la seconda volta nel giro di 3 giorni. I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, diretti dal capi ad interim Carlo Pinto, hanno messo nuovamente le manette a S.T., anconetana di 40 anni. Era già stata arrestata sabato dove, al processo per direttissima, si era difesa sostenendo di essere una consumatrice ma non una pusher. Peccato che ieri mattina, dopo appena 48 ore, la donna veniva nuovamente fermata.

A bloccarla sono stati gli stessi agenti della narcotici, che l’hanno fermata un’altra volta con la macchina e hanno visto lei che si liberava immediatamente di un fazzolettino da naso. Non ci è voluto molto per la polizia raccogliere quell’involucro e scoprire che dentro c’era la sostanza. Ancora eroina per un totale di 10 grammi. Secondo gli investigatori la donn stava andando a incontrari i clienti rimasti a bocca asciutta quando era stata bloccata l’altro giorno. 

Fatto sta che proprio questa mattina si è ripetuto il rito direttissimo nei confronti dell’imputata. Il giudice non solo ha convalidato gli arresti ma aha anche applicato gli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perde il lavoro e diventa pusher, arrestata due volte nel giro di tre giorni

AnconaToday è in caricamento