menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Assembramenti all'aeroporto per i tamponi

Assembramenti all'aeroporto per i tamponi

File per i tamponi e assembramenti: così all'aeroporto si rischia il contagio

Senza prenotazione, sono centinaia le persone che vanno in aeroporto per fare il tampone. Ma le foto parlano chiaro: c'è qualcosa che non va nella gestione di questo servizio all'aeroporto di Falconara

File e assembramenti agli arrivi. Non si parla di vacanze, ma delle centinaia di persone riunite all'ingresso dell'aeroporto in attesa di fare il test. Sembrerebbe esserci qualcosa che non va nel sistema di gestione della procedura. Questa mattina si è creata una lunga fila e centinaia di persone si sono ammassate in attesa di ricevere gli esiti. 

«L'ente gestore (Aerdorica ndr) non ha previsto le prenotazioni per fare i tamponi - spiega il direttore aeroportuale Enac, Silvia Ceccarelli - e tutti possono venire liberamente. Così facendo, soprattutto dopo il weekend, si può creare confusione. Stiamo cercando di lavorare per migliorare l'organizzazione e a brevissimo convocheremo un comitato apposito. Vista l'affluenza considerevole, l'Enac, Aerodorica e tutti gli enti coinvolti nella gestione del servizio saranno chiamati in un covid action group per valutare quali azioni intraprendere per gestire la questione in modo più puntuale possibile. Questa mattina ho inviato altro personale per defluire il traffico e ora la situazione sta rientrando». 

Stando a quanto riportano alcuni testimoni gli assembramenti di inizio settimana andrebbero avanti da mesi, mettendo a rischio anche la salute di chi lavora nella struttura earoportuale come i dipendenti delle agenzie di noleggio auto. Infatti queste persone ogni giorno per andare al lavoro e raggiungere le auto nei parcheggi sono costrette a passare in mezzo alla fila rischiando di essere contagiate. C'è chi racconta di aver visto dei positivi seduti in mezzo a tutti gli altri e liberi di muoversi indisturbati anche dopo aver scoperto l'esito. «Questo non è vero - risponde la Ceccarelli - le procedure sono condivise e l'area dedicata ai positivi è contingentata e limitata. Non c'è possibilità che si incontrino con altri soggetti perché devono fare un altro percorso segnalato». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Acquaroli firma l'ordinanza: 5 comuni marchigiani in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento