menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Assistenza domiciliare ai diversamente abili, Urbinati: «Riattivarla con urgenza»

Appello del capogruppo regionale di Italia Viva, Fabio Urbinati, che in questi giorni si è attivato per far ripartire il servizio presso l’ambito 21 e in particolare nella città di San Benedetto del Tronto

ANCONA - «Riattivare urgentemente l’assistenza domiciliare alle persone diversamente abili». Lo chiede il capogruppo regionale di Italia Viva, Fabio Urbinati, evidenziando come tra le tante difficoltà generate dalla pandemia sicuramente emerga quella a cui stanno andando incontro le persone diversamente abili e le loro famiglie.

«In questa prima fase di ripartenza - afferma il consigliere - ci si è mossi, purtroppo, a diverse velocità, sia per quanto riguarda i Comuni che i relativi Ats. La Regione si è impegnata concretamente per rendere questo tipo di prestazione il più possibile sicura tanto che il servizio sanitario è già attivo per effettuare tamponi agli operatori e ai portatori di handicap coinvolti. In questi giorni mi sono fortemente impegnato per far ripartire l’attività presso l’ambito 21 e in particolare nella città di San Benedetto del Tronto. Ora anche gli altri devono fare la loro parte. Chiedo a Comuni e operatori un grande sforzo poiché qualsiasi ulteriore ritardo sarebbe inaccettabile e ingiustificato. Come stanno ripartendo i tanto attesi centri estivi e le altre attività di carattere sociale e ricreativo su cui la Regione ha previsto incentivi economici, è necessario adesso che, senza aspettare oltre, riprenda anche l’assistenza domiciliare alle persone diversamente abili contestualmente alla riapertura dei centri diurni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento