Senigallia: arrestati dopo inseguimento i membri della "banda dell’Audi nera"

I tre, ora rinchiusi nel carcere di Montacuto, sono indiziati di numerosissimi furti in abitazione commessi di recente nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Senigallia e in quelle limitrofe

Sono stati arrestati dai carabinieri di Marzocca e Senigallia i tre componenti della “banda dell’Audi A4 nera”, l’auto vista in numerose scene del crimine di furti in appartamento. Alle 8 di questa mattina i militari hanno individuato l’Audi lungo la Statale 16 e in un attimo l’hanno raggiunta, costretta a fermarsi e hanno immobilizzato i tre occupanti prima che potessero darsi alla fuga. I tre, cittadini di nazionalità serba con alle spalle numerosissimi “alias” e un curriculum criminale di lungo corso, sono stati identificati per

-    M. K., classe 1987;
-    S. M., classe 1980;
-    V. S., 1986,

tutti senza fissa dimora sul territorio nazionale e provenienti dal campo nomadi di Ponticelli, quartiere di Napoli.

Nel bagagliaio dell’auto i militari, oltre a numerosi attrezzi da scasso, hanno trovato refurtiva di ogni genere, fra cui due candelabri, un orologio da tavolo, tre putti, ora sotto esame del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Ancona per risalire alla casa o al luogo di culto da cui potrebbero essere stati rubati. Altri beni invece sono stati risultati rubati appena ieri a Jesi, e restituiti al legittimo proprietario.

I tre, ora rinchiusi nel carcere di Montacuto, sono indiziati di numerosissimi furti in abitazione commessi di recente nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Senigallia e nelle giurisdizioni limitrofe: a tal proposito, i militari di Marzocca stanno già stilando un elenco dei furti per i quali è stata denunciata la presenza dell’ Audi A 4 nera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento