Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Mazzette per ammorbidire controlli: arrestato Ispettore Agenzia delle Entrate

Il pubblico ufficiale è stato bloccato dagli agenti del capo della Mobile Giorgio Di Munno mentre ritirava una tangente da 10 mila euro, in pieno centro, da uno dei commercianti che hanno collaborato con la polizia

E' finito in manette con l'accusa di concussione un ispettore dell'Agenzia delle Entrate delle Marche: si tratta di S. M., 48 anni, romano. L'uomo avrebbe intascato "mazzette" da commercianti e ristoratori per "ammorbidire" i controlli fiscali. Come? Prima andava nelle varie attività commerciali per effettuare i controlli del caso e quando trovava qualcosa ne prendeva atto e convocava il titolare in uno degli uffici addetti a seconda dell'attività commerciale. Tutto regolare se non fosse che poi, una volta tra le 4 mura del palazzo di via Palestro, non incominciasse a scendere in confidenza con le sue vittime fino ad invitarle a prendere un caffè al bar magari. Lì, lontano da occhi e orecchie indiscrete, proponeva di chiudere la questione lì, ma dietro un piccolo compenso. Dalle cene scroccate a danno delle vittime a vere mazzette che sono arrivate anche a 10mila euro.

Almeno 3 le vittime accertate dagli uomini della Squadra mobile di Ancona che, alla consegna di una parte di mazzetta sotto la galleria dorica, lo hanno pizzicato in fragranza di reato, arrestato e denunciato per concussione. Al momento l'uomo, si trova al carcere di Montacuto fino a quando non dovrà rispondere del reato per cui è stato accusato, di fronte all'autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mazzette per ammorbidire controlli: arrestato Ispettore Agenzia delle Entrate

AnconaToday è in caricamento