Cronaca

Spiagge: Ancona e Falconara verso l'accordo per sicurezza e movida

Fissato a 70 decibel il tasso di rumorosità consentito. I locali potranno fare musica fino a mezzanotte, salvo particolari deroghe. Le polizie municipali pronte ad agire in sinergia

Questa mattina i rappresentati dei Comuni di Falconara e Ancona sono tornati a riunirsi per esaminare i provvedimenti da assumere per il controllo e la sicurezza delle spiagge che vanno da Torrette  a Villanova.

Presenti il vice sindaco e assessore alla Polizia Municipale del Comune di Falconara, Clemente Rossi, oltre alla presenza del suo omologo l’assessore Roberto Signorini, gli assessori alle attività economiche Adriana Celestini per Ancona e Raimondo Mondaini per Falconara, il comandante Martelli della PM di Falconara mentre per la Polizia Municipale dorica era presente il vice comandante Guido Paolini. Hanno partecipato alla riunione anche il dirigente del settore attività economiche Ciro Del Pesce e l’ingegnere Paolo Olivanti.

Si è analizzato nel corso dell’incontro, l’insieme dei problemi che possono essere affrontati in un ottica comune. In particolare l’assessore Signorini ha evidenziato la necessità di interagire per quanto riguarda la sicurezza in mare partendo dalla rispettive esperienze per garantire un servizio integrato. Per quanto riguarda invece il tasso di rumorosità che si registra lungo l’arenile, Ancona e Falconara si allineeranno su una stessa soglia pari a 70 decibel.

“L’organizzazione di intrattenimento musicale nei locali della zona prevede come orario massimo fino alla mezzanotte; possono essere concesse deroghe fino all’una nei prefestivi; per eventi particolari questo orario può essere ulteriormente prolungato a seguito di valutazione dell’Amministrazione comunale ma non oltre le 2.  Per la prima volta le due amministrazioni sono arrivate a concordare un percorso comune per assicurare un’estate tranquilla per gli utenti della spiaggia e per i residenti della zona ma senza penalizzare troppo gli operatori che con il loro lavoro aiutano a rivitalizzare le attrattive turistiche della spiaggia – spiega l’assessore alle attività economiche Adriana Celestini -. Questa nuova vitalità della spiaggia può essere considerata anche un veicolo di maggiori potenzialità per tutte le attività economiche che ruotano attorno all’offerta balneare”.


“Pur nella necessità di un approccio omogeneo – commenta il vicesindaco di Falconara, Clemente Rossi -, bisogna dar atto che l’offerta ricettiva è attualmente differenziata ma la sinergia di programmazione e di controllo che le polizie municipali potrebbero attuare, crediamo possano proficuamente portare ad una maggiore tranquillità da assicurare ai residenti e contestualmente una proficua attività agli imprenditori turistici della zona. Non abbiamo nessun motivo ostativo ad estendere i controlli fonometri che Falconara compie abitualmente, anche in territorio di Ancona”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiagge: Ancona e Falconara verso l'accordo per sicurezza e movida

AnconaToday è in caricamento