rotate-mobile
Attualità

Addobbi, alberi, luminarie anche nelle frazioni: il Comune pensa già al Natale

Sull'albo pretorio è stato pubblicato l'avviso di manifestazione di interesse per l'affidamento dell’ideazione, della conseguente redazione di un progetto e della realizzazione degli addobbi luminosi in occasione delle festività natalizie 2023/2024

ANCONA- È già arrivato il momento di pensare al Natale e di creare un’atmosfera magica in tutta la città. In esecuzione a quanto previsto nel Programma biennale per l’acquisto di beni e servizi per il biennio 2023/2024, il Comune di Ancona intende procedere all’affidamento dell’ideazione, della conseguente redazione di un progetto e della realizzazione degli addobbi luminosi in occasione delle festività natalizie 2023/2024. L’avviso di manifestazione di interesse è stato pubblicato sull’albo pretorio. Il costo previsto è di 180mila euro che il Comune intende coprire con i finanziamenti degli sponsor. È stato infatti pubblicato anche un avviso pubblico per la manifestazione di interesse alla sponsorizzazione finanziaria del servizio con scadenza il prossimo 16 agosto. Luoghi delle installazioni luminose ed effettive possibilità si vedranno più avanti, l’intenzione della nuova amministrazione comunale è comunque di dare un’impronta nuova coinvolgendo non solo il centro storico, ma anche quelle zone, da sempre o da anni, rimaste fuori dalla magia delle luminarie, come sottolineato dall’assessore ai Grandi Eventi, Angelo Eliantonio. «Stiamo lavorando con l’assessore Berardinelli, che ha la delega ai Borghi, per coinvolgere anche le frazioni e i quartieri storicamente esclusi dagli addobbi natalizi» afferma.

Il Natale potrebbe accendersi a fine novembre-primi di dicembre per poi spegnersi il 14 gennaio. Ad ogni modo, come si legge nell’avviso di manifestazione di interesse, al momento l’ipotesi è di installare i fili luminosi in «corso Garibaldi, in corso Mazzini, nelle vie di collegamento tra corso Garibaldi e corso Mazzini, nelle vie di collegamento tra corso Garibaldi e corso Stamira, via degli Orefici, corso Amendola, in via Piave dall’incrocio con Via Trieste fino al semaforo, largo Cappelli, lato ex ospedale, via Matteotti, via della Loggia,via Gramsci, via Pizzecolli, imbocco di via Carducci lato piazza Roma, imbocco di via Padre Guido lato corso Mazzini, area pianeggiante di piazza del Plebiscito, via C. Colombo, corso Carlo Alberto, vie Frazione Varano, Via XXV Aprile, via Marcello Marini». Per quanto riguarda gli alberi di Natale, è prevista «la decorazione di alberi naturali già esistenti, dell’albero di 12 metri in corso Garibaldi-inserzione con piazza Roma, e dell’albero di 6-8 metri in Largo Sarnano». Per gli alberi sintetici verdi l’ipotesi è di posizionarli «in via della Loggia-piazzale Chiesa Santa Maria della Pizza, via XXIX Settembre, piazza Don Minzoni, piazza Ugo Bassi, incrocio corso Amendola – Viale della Vittoria, piazza San Francesco, San Carlo Borromeo, Palombare, Piazza Salvo d’Acquisto, Collemarino, Torrette, Posatora, Galleria Dorica». Nel documento sono compresi alberi di Natale o luminarie anche nelle frazioni: Montacuto, Poggio, Massignano, Aspio, Candia, Montesicuro, Gallignano, Sappanico, Ghettarello, Paterno, Casine di Paterno e Pietralacroce. Per quanto riguarda gli archi luminosi «uno sarà posto all’ingresso di Piazza Cavour, uno all’ingresso di corso Garibaldi da Piazza della Repubblica e in piazza Stamira». Altri allestimenti luminosi potrebbero essere sistemati nell’aiuola sotto la statua di Cavour, in Piazza Roma dove ci sarà anche l’illuminazione effetto “cielo stellato” così come in piazza d’Armi. Lucine anche nelle casette di legno del mercatino natalizio in Piazza Cavour e in corso Garibaldi. E ancora installazioni luminose in via Martiri della Resistenza e in Corso Stamira, tetto luminoso sotto i portici degli Archi e di Piazza Cavour. Prevista anche l’illuminazione del manto erboso illuminato in Piazza Ugo Bassi, della facciata del Mercato delle Erbe e dello Stadio Dorico. Infine, elementi luminosi a terra nella rotatoria di Piazzale della Libertà, nella rotatoria di fronte alla stazione e all’ex Standa, nella rotatoria della galleria San Martino. Illuminato anche il balcone del Palazzo Comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addobbi, alberi, luminarie anche nelle frazioni: il Comune pensa già al Natale

AnconaToday è in caricamento