Bagno di folla per Andrea Dovizioso, il pilota gela i fans sul suo rinnovo con la Ducati

Il vicecampione del mondo ha incontrato migliaia di tifosi in un punto vendita Ducati, poi si è trattenuto con la stampa parlando del mondiale, della paura e del futuro

Andrea Dovizioso incontra i fans

Un 2019 ancora in Ducati? Andrea Dovizioso, vicecampione del mondo in carica di MotoGp, ancora non scioglie il dubbio. E’ stato lo stesso leader della classifica iridata, ospite venerdì al punto vendita Brothers Moto Ducati di via Achille Grandi, a tenere i fans con il fiato sospeso: «Non lo so ancora, stiamo parlando» è stato il commento del pilota forlivese dopo l’incontro con gli oltre 1.500 tifosi arrivati nel punto vendita anconetano per incitarlo nella lotta al titolo mondiale sfuggito di mano l’anno passato. «Vi ringrazio, mi date la carica per la prossima gara» ha detto Dovizioso ringraziando i fans durante la firma degli autografi. E se nell’immediato futuro c’è il MotoGp di Spagna a Jerez De La Frontera, il prossimo 6 maggio, “Dovi” guarda anche al recente passato per analizzare l’inizio di stagione. Dopo la vittoria in Quatar è arrivato il 6° posto in Argentina e il 5° posto negli USA: «Sapevamo che non erano due piste adatte a noi, ma mi aspettavo di più. Nonostante questo siamo stati bravi a gestire entrambe le gare anche se non eravamo troppo veloci e siamo riusciti a portare a casa tanti punti. Portare via dei punti importanti dove non si è forti è il metodo giusto da seguire. Non sono contento del tutto, perché il livello è troppo alto e quando non sei competitivo è facile fare 6°, 7° e 8° posto e non sono i risultati che ti permettono di giocarti il mondiale, quindi dobbiamo fare sicuramente un salto in avanti». 

I fans lo aspettavano dalle 15, Dovizioso è arrivato direttamente da Forlì e al casello di Ancona Sud il suo suv scuro è stato accolto da un gruppo di motociclisti che lo hanno scortato fino al concessionario della Baraccola. Prima ha incontrato il titolare del punto vendita, Ivan Mignaniello, nell’area riservata poi si è concesso al calore dei tifosi per oltre un’ora. Qualcuno gli ha posto il casco, altri il poster e qualcuno addirittura pezzi di carena della propria moto. Lui, tra un selfie e l'altro, ha firmato dispensando sorrisi e ringraziamenti. Accanto al “Dovi” c’era la Desmosedici numero 04, la sua moto da gara esposta e bersagliata da foto e video già da prima dell'arrivo del pilota. «Forza Dovi, quest’anno ce la devi fare!» è solo uno dei messaggi che si sono levati dalla folla. 

Dopo l’incontro con i fans c’è stato quello con la stampa, in cui il pilota ha rivelato di allenarsi spesso in una pista di Porto Recanati e del suo rapporto con la paura: «E’ complicata da gestire, viene fuori spesso ma secondo me è un’emozione che bisogna provare perché in alcuni momenti ci si deve limitare con le moto che abbiamo e con le piste su cui corriamo. Con tutte le situazioni che troviamo si passerebbe di là troppo facilmente». Infine, a un anno esatto dall'incidente che ha portato via il 21enne centauro Giacomo Zucchini sulle strade di Portonovo, “Dovi” ha voluto lanciare un appello alla sicurezza per chi viaggia in moto: «Purtroppo la strada è pericolosa perché c’è tanta altra gente che va per strada e anche se ti senti sicuro bisogna fare i bravi. Per me è facile rispondere, perché ho la fortuna di sfogarmi in pista e non ho necessità di fare il pazzo per strada, ma non tutti hanno questa possibilità e allora si sfogano lì anche se è totalmente sbagliato». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento