Politica

Api e Sel: “Quella convocazione su un argomento inesistente”

Duca (Sel) e il coordinamento comunale di Alleanza per l'Italia contro la convocazione del Consiglio su una delibera già ritirata. Gramillano rischia comunque di non avere la maggioranza

“Agire divisi ma colpire uniti”, sembra questo il leit motiv che sottende ai comunicati di due forze straordinariamente lontane tra loro – Sinistra, ecologia & libertà e Alleanza per l’Italia – ma che sembrano concordi nel deprecare la richiesta fatta dalle forze di opposizione, Pdl e Rialzati Ancona, di chiedere un consiglio comunale sulla delibera 1501/2011, che però – sottolineano le due forze – era stata ritirata in corso di seduta, quindi di fatto non esiste più.
 
L’accento viene dunque spostato, anche qui in tandem, sulle delibere che invece sono state approvate: “negli ultimi 4 mesi, con la Presidenza di Letizia Perticaroli, sono state approvate più di 50 delibere” ricordano dall’Api, mentre Eugenio Duca (Sel) rincara "Prendo atto che il principale gruppo di opposizione, a corto di proposte, chiede la convocazione straordinaria urgente su un argomento inesistente".

In tutti i modi, per l'ammnistrazione Gramillano, il Consiglio sarà comunque un passaggio cruciale, perché il Sindaco dovrà dimostrare di avere la maggioranza di 21 consiglieri (attualmente è fermo a quota 20), numero fondamentale anche per la votazione delle commissioni consiliari.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Api e Sel: “Quella convocazione su un argomento inesistente”

AnconaToday è in caricamento