menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Marche in linea con il Governo, Acquaroli si adegua al nuovo Dpcm Conte

Il presidente della Regione oggi pomeriggio ha anche firmato un'ordinanza con cui adegua le Marche alle misure previste nell'ultimo Dpcm

«Il nostro indice Rt é di 1,25, in calo rispetto alla scorsa settimana che attesta una situazione epidemiologica sotto controllo. Questo ci impone uno sforzo maggiore in queste settimane per favorire l'appiattimento della curva e il ritorno graduale alla normalità». È quanto dice il governatore delle Marche, Francesco Acquaroli, il giorno dopo la conferenza stampa del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ha inserito le Marche nella zona gialla. Il presidente della Regione oggi pomeriggio ha anche firmato un'ordinanza con cui adegua le Marche alle misure previste nell'ultimo Dpcm prevedendo la didattica in presenza per il primo anno delle Universita' mentre, con una precedente ordinanza, aveva disposto la didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti universitari.

«Avevamo anticipato di qualche giorno le decisioni che poi ieri sono state inserite nel Dpcm relative alla didattica a distanza per gli Atenei- continua Acquaroli-. Sappiamo che il problema non é l'organizzazione all'interno delle nostre Università, ma l'obiettivo é contenere per quanto possibile tutte le occasioni che favoriscono il contagio. Ci siamo confrontati con i Rettori e abbiamo convenuto di adeguare la nostra popolazione universitaria alle disposizioni del Dpcm firmato ieri». L'ordinanza, in vigore dal 6 novembre al 4 dicembre, raccomanda anche al settore degli uffici, pubblici e privati, degli studi professionali, dei servizi amministrativi e di agenzia, che prevedono accesso del pubblico, di promuovere il contatto fra clienti ed utenti, laddove possibile, tramite modalita' di collegamento a distanza e soluzioni tecnologiche innovative. «Nell'ordinanza poniamo una attenzione al tema del lavoro agile- conclude Acquaroli-. Non é un'imposizione ma un invito a chi ha la possibilità di svolgere lo smart working a favorirlo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento