Sindaca e preside, le opposizioni contro la Signorini: «Lasci il liceo scientifico»

I consiglieri di minoranza hanno scritto una lettera all'Ufficio scolastico regionale: «Incompatibilità di ruoli, ha già svolto 3 incarichi triennali»

Stefania Signorini, sindaco di Falconara

Una lettera al direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per chiedere che Stefania Signorini, sindaca di Falconara, lasci l’incarico di preside del liceo scientifico Cambi-Serrani. L’hanno indirizzata al d.g. Marco Ugo Filisetti i capogruppo di minoranza in Consiglio comunale Marco Luchetti (Pd), Franco Federici (Italia Viva), Stefano Caricchio (Lega), Loris Calcina (Cittadini in Comune) e Bruno Frapiccini (M5S), nella convinzione che «il conferimento dell’incarico di dirigente scolastico nel liceo scientifico della città è incluso tra quelli disponibili ai fini delle operazioni di mobilità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La professoressa Signorini, incalzano i consiglieri, «ha già svolto i tre incarichi triennali consecutivi, per un totale di 9 anni, nell’istituto: pertanto, in base alla normativa vigente, non può rimanere nella stessa sede e quindi deve essere assegnata ad altro incarico con le procedure previste per la mobilità». Inoltre, ricordano i consiglieri, «la professoressa Signorini svolge da oltre due anni anche l’incarico di sindaco di Falconara e in più occasioni si è palesata una incompatibilità di fatto tra i due ruoli, con sovrapposizioni e interferenze nello svolgimento di compiti istituzionali nello stesso territorio comunale. Già in passato, nel 2014, quando la Signorini era ancora assessore-vicesindaco, erano stati posti all’attenzione dell’Anac i profili di incompatibilità tra i doppi ruoli svolti che non avevano trovato accoglimento perché, secondo l’organo anticorruzione, vi era al riguardo una lacuna normativa nella  legge Severino. Ora l’incresciosa situazione di sovrapposizione di ruoli, che ha pesato per anni nella vita politica e amministrativa falconarese, deve essere risolta senza forzature o cavilli giuridici e regolamentari». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • Racconto-choc di una bimba in spiaggia: «Volevano rapirmi». Indagini in corso

  • CRN, consegnato al suo armatore il nuovo mega yacht da 62 metri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento