menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
la giunta Signorini e, dietro, Brandoni appena eletto presidente del consiglio comunale

la giunta Signorini e, dietro, Brandoni appena eletto presidente del consiglio comunale

L'esordio in consiglio, l'ex sindaco si aggiudica anche un voto dall'opposizione

Confermata la giunta Signorini, Goffredo Brandoni, come nelle aspettative, diventa il nuovo presidente del consiglio incassando anche un voto dalle opposizioni

«Se vuoi andare veloce corri da solo, se vuoi andare lontano cammina insieme agli altri. Ecco, io vorrei camminare con tutti voi e sarò il sindaco di tutti». Sono le prime parole di Stefania Signorini, primo sindaco donna di Falconara che ieri mattina ha prestato giuramento nella seduta di insediamento del nuovo consiglio comunale uscito dalle urne del 24 giugno. Confermata la giunta presentata nei giorni scorsi, come nelle aspettative l'ex sindaco Goffredo Brandoni è stato eletto dai consiglieri presidente del consiglio comunale. Ci sono volute tre votazioni (per le prime due serve la maggioranza qualificata pari ai 2/3 dei votanti) ma alla fine il sindaco ha totalizzato un voto anche dall'opposizione, verosimilmente dalla Lega. Stefania Signorini, dopo averlo ringraziato per averla chiamata in giunta nel 2008 ha ricordato il lavoro della precedente amministrazione ma guardato anche al futuro. 

«Le priorità – ha detto - sono ambiente e salute come testimoniato dagli incontri già svolti e quelli programmati nei tavoli della Prefettura e della Regione per il controllo degli inquinanti e il monitoraggio della salute della popolazione. Tra i progetti che restano in primo piano, la prosecuzione del recupero della ex Montedison, il riconoscimento del centro storico di Falconara, i lavori che interessano Castelferretti, ma anche la realizzazione del nuovo Centro Giovani, dopo l’avvio dell’Informanziani. “Abbiamo ancora sogni da realizzare e progetti da costruire e per questo ho bisogno di tutti voi, consiglieri, simpatizzanti ma anche tutti i cittadini che come me credono nella nostra città. Servono competenza, impegno e passione e credo che la più importante sia soprattutto l’ultima: bisogna amare la città per farla vivere e continuare a farla crescere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento