menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto: l'assessore al bilancio Andrea Biekar

Nella foto: l'assessore al bilancio Andrea Biekar

Bilancio: approvazione preventivo, Biekar garantisce “entro il 30 giugno”

L'assessore al Bilancio spiega: entro le prossime due settimane sarà concluso il confronto politico sulle linee guida della manovra, in modo da formalizzare la delibera di bilancio entro fine maggio

E’ stata comunicata ufficialmente  in questi giorni dal Ministero la somma dei trasferimenti statali per le casse del Comune di Ancona: “Con la certezza di queste stime – comunicano da Palazzo del Popolo –  possono ora sostanziarsi alcune scelte del bilancio di previsione e può partire il percorso di condivisione politica e sociale”.
Sono stati calendarizzati per la settimana prossima gli incontri con la maggioranza, le categorie economiche, il mondo dell’associazionismo e dei sindacati per rendere “più partecipate possibile le scelte che sottendono la manovra finanziaria che deve essere approvata dal Consiglio comunale per legge entro il 30 giugno”.

A questo proposito, l’assessore al Bilancio Andrea Biekar ha condiviso con il sindaco e gli uffici il percorso che dovrà fare la proposta di bilancio preventivo: entro le prossime due settimane sarà concluso il confronto politico sulle linee guida della manovra, in modo da formalizzare la delibera di bilancio entro fine maggio.
Proprio da fine maggio scatteranno i 30 giorni dedicati alla lettura e al parere di Consiglieri e Revisori dei Conti per arrivare all’approvazione definitiva entro il 30 giugno. Probabile una seduta precedente per l’illustrazione della manovra.

L’attività amministrativa del Comune continuerà nel frattempo a operare in dodicesimi: dal momento che non è infatti approvato il bilancio di previsione (e non avendo dunque certezza delle disponibilità), gli uffici possono impegnare per legge solo una parte delle risorse.

Non sono previsti né sanzioni né il blocco della spesa come era stato ipotizzato nei giorni scorsi dopo che era saltato  il voto sul bilancio consuntivo: approfondimenti effettuati  tra i enti che non hanno approvato il consuntivo entro i termini previsti per legge hanno infatti rivelato che non sono previste conseguenze di questo tipo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento