Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Wiki Loves Monuments, sul sito ufficiale del concorso "Ancona è libera"

Dal 1° al 30 settembre sarà possibile collegarsi al sito e da lì caricare su Wikimedia Commons le immagini dei luoghi - monumenti ma non solo - che possono legalmente essere fotografati durante questa edizione

Ancona è sul sito ufficiale di Wiki Loves Monuments. A questo link  è possibile avere tutte le indicazioni necessarie per partecipare al concorso.  

Wiki Loves Monuments, giunto alla quarta edizione internazionale e alla terza a cui partecipa l'Italia, è il più esteso concorso fotografico del mondo, come testimoniato dal Guinness Record Book e valorizza il patrimonio culturale del nostro paese su Wikipedia, promotrice dell’evento. Il Comune di Ancona ha aderito all’iniziativa.

Dal 1° al 30 settembre sarà possibile collegarsi al sito https://www.wikilovesmonuments.it e da lì caricare su Wikimedia Commons le immagini dei luoghi - monumenti ma non solo - che possono legalmente essere fotografati durante questa edizione. Il Codice Urbani (D.lgs 42/2004) sancisce infatti l'impossibilità di fotografare monumenti e diffonderne le foto senza una precisa autorizzazione da parte degli enti pubblici territoriali che li hanno in consegna.

I LUOGHI DI ANCONA. Per quanto riguarda il Comune di Ancona, con la sua adesione ha “liberato” questi luoghi che saranno oggetto del concorso fotografico e potranno essere legalmente ritratti: Arco di Traiano (115 d.c.); Casa natale di Francesco Podesti (via Podesti 62); Chiesa di San Domenico (sec. XVIII); Museo di San Francesco/ Cripta del Convento di San Francesco alle Scale, (sec. XIV); Fonte del Calamo (sec. XVI)  Mole Vanvitelliana (1733-1743); Polveriera Castelfidardo (1864-1866); Mercato coperto (1926); Monumento ai caduti (inaug. 1932); Porta Pia (1787-1789); Scalinata piazza del Plebiscito Statua di Clemente XII; Palazzo degli Anziani (sec. V).

Associazioni del settore, fotografi professionisti e dilettanti, appassionati di arte e di fotografia: tutti possono partecipare a questa manifestazione che rappresenta un grande motore di divulgazione delle bellezze artistiche della nostra terra. Le immagini caricate per il concorso potranno essere utilizzate da chiunque ma indicando sempre il nome dell’autore.

“E’ una grande operazione di comunicazione turistica partecipata – sottolinea così il senso dell’iniziativa l’assessore a Cultura e Turismo Paolo Marasca - Ancona ha deciso con grande convinzione di inserirsi in questo circuito consolidato dove i cittadini diventano i principali tour operator del loro territorio e rafforzano la propria identità e la propria appartenenza ritraendo i simboli della loro città”.

Un circuito portentoso: solo nell’ultima edizione italiana hanno partecipato oltre 200 tra enti e istituzioni per un totale di oltre 8000 foto di monumenti raccolte.
Tutte le informazioni su www.wikilovesmonuments.it.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Wiki Loves Monuments, sul sito ufficiale del concorso "Ancona è libera"

AnconaToday è in caricamento