Tragico volo di 10 metri, giovane papà precipita dal tetto e muore

Inutili i tentativi di soccorrerlo da parte del 118. I carabinieri hanno sequestrato una lettera

foto d'archivio

Una lettera di amore, di scuse e di dolore. E’ tutto ciò che resta del giovane papà di 38 anni che per motivi ancora oscuri si è lanciato questa mattina dal tetto della sua abitazione, gettando nella disperazione la famiglia e l’intera comunità di Osimo.

Non erano ancora le 8 quando l’uomo, in preda allo sconforto, sprofondato in quell’abisso chiamato depressione, si è arrampicato sul punto più alto del palazzo in cui viveva, in via Flaminia II, in pieno centro, è si è lanciato nel vuoto. Il tragico salto, di circa 10 metri, non gli ha dato scampo. Il 38enne è morto sul colpo, nonostante il tentativo di soccorso del personale del 118, intervenuto tempestivamente insieme ai carabinieri. Le ragioni del gesto vanno individuate in quella lettera rivolta alla moglie, all’adorata figlia e ai suoi cari che ha lasciato in casa. Chiede scusa per il gesto e per il dolore che ne deriverà, ma lascia intendere che non trovava altro rimedio alle sue sofferenze diverso dalla morte. Sotto choc la comunità: nessuno poteva immaginare una tragedia simile anche perché il 38enne in passato non aveva mai dato segni di squilibrio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento