Vertenza Étv, lavoratori ancora senza stipendio: annunciati 5 giorni di sciopero

Non pagate due delle tre tranche promesse dal nuovo dg oltre alla tredicesima. Giornalisti e operatori chiedono un rientro entro fine mese e un incontro con l'azienda

La promessa era quella di rimettersi al pari con gli stipendi arretrati in tre tranche entro il 15 gennaio. La realtà è che una sola rata è stata pagata e sui conti dei lavoratori di Étv mancano tredicesime e quasi tutta la mensilità di dicembre. E il 10 febbraio, giorno in cui si maturerà lo stipendio di gennaio è vicino. È un clima di grande incertezza quello attorno alla popolare emittente marchigiana con giornalisti e operatori che oggi hanno incontrato i referenti sindacali del Sindacato Giornalisti delle Marche e della Fistel Cisl e hanno votato all'unanimità un pacchetto di 5 giorni di sciopero se non si arriverà al salo di tutte le spettanze entro il 31 gennaio e se non ci sarà un immediato incontro con la proprietà.

La trattativa, iniziata unitaria insieme a Rete7, l'altra rete del Gruppo Spallanzani sul piatto di una vendita al Gruppo Baronio che non è stata mai perfezionata, si sta spaccando. Gli emiliani, che inizialmente hanno criticato i marchigiani per aver avanzato l'ipotesi di una trattativa separata, a differenza, hanno riscosso quanto percepito. «Vogliamo notizie certe – tuona Piergiorgio Severini, segretario del Sigim - ci aspettiamo un incontro prima del 31 gennaio con un interlocutore serio». Il precedente incontro, che si è tenuto a Reggio Emilia, era stato con Simone Baronio, già attivo con le emittenti locali lombarde Telecolor e Primarete, che si era presentato come nuovo amministratore delegato e direttore responsabile. Vendita che per ora, secondo i sindacati, non sarebbe stata ancora formalizzata lasciando di fatto il timone a Spallanzani. Domani, martedì 24 gennaio, è previsto un incontro tra il cdr di Bologna e la proprietà. Le Marche hanno chiesto di sedere al tavolo. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento