Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Senigallia: stupro e rapine ai danni di due prostitute, arrestati

Hanno legato, bendato, violentato e rapinato una donna, per ripetere poi di lì a poco lo stesso copione - salvo, in questo caso, la violenza sessuale - una seconda volta. Arrestati grazie ai carabinieri di Senigallia, Marzocca e Osimo

Hanno legato, bendato, violentato e rapinato una donna, per ripetere poi di lì a poco lo stesso copione – salvo, in questo caso, la violenza sessuale – una seconda volta. Dovranno rispondere di accuse pesanti come macigni i due giovani finiti in manette grazie ai Carabinieri delle Stazioni di Senigallia, Marzocca e Osimo, attorno alla mezzanotte di venerdì: Z. F., appena ventenne, e K. R., 23enne, entrambi cittadini albanesi ma residenti a Osimo.   

I FATTI. Tutto è cominciato nella mattinata mercoledì scorso, nella frazione Marzocca, quando una ragazza romena che esercita la prostituzione ha denunciato ai Carabinieri che alle due e mezza del mattino, dopo aver pattuito una prestazione sessuale con due giovani di nazionalità albanese ed essere salita a bordo della loro auto, una Fiat Punto, era stata condotta in un luogo appartato nell’immediata periferia cittadina. Lì i due uomini, minacciando di utilizzare una pistola, mai esibita, dopo averla bendata, avevano abusato sessualmente di lei e le avevano rubato, prima di lasciarla libera, la borsa contenente un telefono cellulare e 150 euro in contanti. Poi i due aguzzini si erano dati alla fuga.

Stupro Senigallia 2-2Nel pomeriggio di venerdì, a Senigallia, una seconda prostituta rumena denunciava alla Stazione dei Carabinieri un terribile copione quasi identico – fatto salvo per la violenza sessuale, questa volta non consumata – terminato con il rituale della benda e la rapina di 300 euro.

LE INDAGINI. I militari di Senigallia e Marzocca si sono subito lanciati a caccia dei due criminali e, grazie anche alla collaborazione dei colleghi di Osimo, sono riusciti a risalire alla Fiat Punto e all’identificazione dei due giovani, comunque riconosciuti dalle due ragazze così ferocemente colpite.  Inoltre, a casa di uno dei due, è stato anche ritrovato il cellulare rubato alla prima vittima dopo le violenze.

I due sono stati dichiarati in stato di fermo. Al momento si trovano nel carcere di Montacuto, in attesa di comparire davanti al giudice.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senigallia: stupro e rapine ai danni di due prostitute, arrestati

AnconaToday è in caricamento