Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Trova la slot senza credito e dà in escandescenze, ferisce un commesso

Per questo alla fine i Carabinieri hanno arrestato un 58enne senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti penali, tra cui le estorsioni. Ed è proprio questa l'accusa mossa ieri dal pm

La slot machines gli azzera il credito di 170 euro e lui dà in escandescenze, minacciando tre volte nell’arco della giornata il titolare del locale: «Se non mi dai i soldi spacco tutto». Per questo alla fine i Carabinieri hanno arrestato T. R., 58 anni senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine per diversi precedenti penali, tar cui le estorsioni. E infatti anche questa volta il pm Mariangela Farneti gli ha contestato il reato di tentata estorsione. Il suo avvocato Laura Versace ha chiesto i termini a difesa e processo fissato per il prossimo 4 febbraio. Ma nel frattempo l’uomo torna libero. Così ha deciso il giudice nonostante la richiesta della misura degli arresti domiciliari avanzata da parte della pubblica accusa.

I FATTI. E’ successo tutto ieri quando l’uomo stava giocando in una sala slot. Secondo quanto sostenuto da lui, avrebbe accumulato un credito di 170 euro quando si sarebbe alzato per andare in bagno. Quando è tornato alla sua macchina, il credito era diventato di pochi centesimi. Un fatto che ha mandato su tutte le furie l’uomo, rivoltosi al proprietario che, per tutta risposta, gli ha detto che non ne sapeva nulla e non avrebbe comunque potuto ridare il denaro. Così l’uomo sarebbe passato alle minacce. Sono arrivati i Carabinieri e il 58enne se ne è andato. Ma poi è tornato, costringendo i militari ad un secondo intervento. Poi, non contento, è tornato di sera. Ma questa volta avrebbe anche spaccato il box cassa, ferendo ad uno occhio il commesso. L’indagato oggi ha chiesto scusa davanti al giudice per il gesto di violenza, ma restano le accuse. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trova la slot senza credito e dà in escandescenze, ferisce un commesso

AnconaToday è in caricamento