Cronaca

Sicurezza sul lavoro, dopo i quattro gravi incidenti scatta lo sciopero

Questa iniziativa avvia una nuova fase di mobilitazione che, attraverso assemblee nei luoghi di lavoro sul tema della salute e sicurezza, porterà successivamente a una manifestazione regionale

Dopo i quattro gravi infortuni sul lavoro a distanza di poche ore a Fano, Arquata del Tronto, Senigallia e Acqualagna, e le notizie che arrivano da tutta Italia, fino all’ultima giovane vita spezzata l’altro ieri all’Ilva di Taranto, le Segreterie regionali di CGIL, CISL, UIL Marche, hanno comunicato a tutte le strutture la decisione, anche sulla base dell’indicazione pervenuta in queste ore dalle Confederazioni nazionali, di effettuare uno sciopero con fermata di 2 ore in tutti i luoghi di lavoro per le ultime due ore di Venerdì 25 maggio 2018 e invitano le categorie ad attivarsi per tutte le comunicazioni conseguenti e necessarie.

«Per i settori con servizi pubblici essenziali - affermano i sindacati -  si invitano le Categorie a promuovere per quella data assemblee nei luoghi di lavoro e gestire le 2 ore di sciopero compatibilmente con le norme di esercizio del diritto di sciopero. Questa iniziativa avvia una nuova fase di mobilitazione che, attraverso assemblee nei luoghi di lavoro sul tema della salute e sicurezza, porterà successivamente a una manifestazione regionale. E' una strage continua che deve essere fermata ma serve un'azione forte da parte di tutti, dalle imprese alle Istituzioni, investendo in sicurezza, prevenzione, formazione, lavoro stabile e di qualità e condizioni di lavoro dignitose».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sul lavoro, dopo i quattro gravi incidenti scatta lo sciopero

AnconaToday è in caricamento