Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

La città piange la scomparsa dell'imprenditore, titolare dell'omonima azienda. Lascia la moglie e due figlie

Sandro Paradisi

In sella alla sua bicicletta stava percorrendo via Santa Caterina, tra le colline delle Vallesina. Poi il malore, improvviso, tra lo choc dei suoi compagni di pedalata che hanno subito capito la gravità della situazione. E' morto così Sandro Paradisi, imprenditore jesino di 61 anni, titolare dell'omonima azienda di via Giuseppe di Vittorio. Sandro lascia sua moglie Alessandra e le figlie Emma e Gaia.

La torneria automatica gestita insieme a sua sorella Tiziana, è diventata negli anni un vero e proprio gioiello imprenditoriale. Sandro era un imprenditore lungimirante, che dopo la grave crisi del 2009 era riuscito a rialzarsi con nuove idee e tanta passione. Purtroppo una mattinata di svago con gli amici è diventata in pochi secondi un'immane tragedia. Inutili i tentativi di rianimarlo. Il suo cuore, all'arrivo degli operatori della Croce Verde di Staffolo, aveva già smesso di battere. Sul posto anche i carabinieri per tutti i rilievi del caso. La notizia si è subito sparsa per tutta la città ed il cordoglio è arrivato unanime da imprenditori, politici ed i tanti amici che lo conoscevano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento