menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo shopping

Lo shopping

Marche, primo fine settimana di saldi: t-shirt e scarpe per 7 famiglie su 10

Il sondaggio di Sigma prevede una spesa di 101 euro a testa per abbigliamento e calzature. Chi non farà acquisti lo fa per mancanza di necessità o motivi economici

Saldi al via nelle Marche dove il 68% delle famiglie si prepara ad acquistare prodotti, soprattutto abbigliamento e calzature, con una spesa pro capite di 101 euro. Un giro d'affari complessivo di 106 milioni sul territorio regionale. Sono i dati che emergono dall'ultima indagine dell'istituto Sigma su un campione di marchigiani maggiorenni spalmati sulle cinque province del territorio sulle intenzioni di acquisto e i comportamenti di spesa dei marchigiani in questo periodo dell’anno. Gli acquisti più gettonati, nelle previsioni, sono t-shirt (49%) e calzature (44%) mentre il 13% non ha ancora deciso. In totale il 79% è contento dei saldi estivi anche se uno su due si dice preoccupato di eventuali ritocchi dei prezzi da parte dei commercianti. 

Tra il vestiario vanno bene anche bermuda e gonne (39%), costumi da mare (29%), camicie (24%), articoli per bambini (7%). Tra coloro che hanno fatto acquisti anche nel 2015, il 69% dichiara che spenderà circa come l’anno scorso, il 17% che spenderà di meno, mentre il 14% afferma che aumenterà il budget destinato ai saldi. Chi non acquisterà nulla in saldo lo farà principalmente per mancanza di necessità (55%) e motivi economici (31%). Non manca chi evita di fare compere nel periodo dei saldi per la scarsa fiducia nell'iniziativa (19%) e per il caos che si può trovare nei negozi (15%). I saldi termineranno il primo settembre. Il che, considerando la partenza ritardata dal bel tempo, va incontro ai consumatori ma un po' meno ai commercianti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento