menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La consegna

La consegna

I regali dei falconaresi anche ai bambini dell'Ambalt

Ieri i rappresentanti dell’associazione hanno consegnato un attestato al sindaco Stefania Signorini, come ringraziamento a tutti i cittadini di Falconara e un altro a Mauro Malatesta, coordinatore del gruppo

A Natale la generosità dei falconaresi è stata tanto grande da raggiungere anche i bambini malati di leucemia e tumore, che arrivano da tutta Europa per curarsi nel reparto di Oncoematologia del Salesi. Ai piccoli è andata infatti una parte dei regali raccolti con l’iniziativa ‘Il dono sospeso’: sono stati tantissimi e, oltre a distribuirli a 115 famiglie falconaresi in difficoltà, la protezione civile di Falconara il mese scorso ne ha consegnati altrettanti per i bambini dell’ospedale pediatrico. A fare da ponte tra Falconara e il Salesi è stata l’Ambalt, l’associazione che da 37 anni offre accoglienza alle famiglie dei piccoli in cura e che ieri, 10 febbraio, ha voluto consegnare un attestato al sindaco Stefania Signorini, come ringraziamento ufficiale a tutti i falconaresi. Un altro attestato è stato consegnato a Mauro Malatesta, coordinatore del gruppo comunale di protezione civile, per ringraziare tutti i volontari. A rappresentare l’Ambalt, ieri in Sala del Leone, c’erano il presidente Sergio Santomo e il segretario Enzo Amato. Era presente anche il gruppo comunale di protezione civile di Falconara, con il coordinatore e alcuni volontari.

«Falconara ha dimostrato ancora una volta di avere un cuore grande – dice il sindaco Stefania Signorini – perché i regali raccolti con l’iniziativa ‘Il dono sospeso’ sono stati molti di più di quelli che ci aspettavamo e così ogni bambino falconarese indicato nell’elenco della Caritas ha ricevuto più doni. Eppure tanti altri regali sono rimasti in esubero e ho subito sposato l’idea di farli arrivare ai bimbi del Salesi. Ho lanciato l’iniziativa dono sospeso per regalare un sorriso a quelli meno fortunati e attraverso l’Ambalt  questo obiettivo è stato centrato in pieno. Sono io, dunque, che ringrazio l’associazione». L’iniziativa ‘Il dono sospeso’ era stata lanciata a dicembre ed è stata realizzata grazie alla collaborazione con la Caritas e con il gruppo comunale di protezione civile, che ha raccolto i regali nelle cartolerie, nei negozi di giocattoli, in quelli di abbigliamento per bambini e nelle librerie di Falconara che hanno aderito all’iniziativa. Sono stati gli stessi volontari di protezione civile a confezionare i doni e a distribuirli alle famiglie. Un ruolo fondamentale è stato quello dei cittadini, che hanno voluto acquistare regali per far sì che nessun bambino rimanesse senza. Sono stati donati giochi, zaini, libri, colori e abbigliamento per neonati. Il mese scorso gli articoli non distribuiti sono stati consegnati all’Ambalt, Associazione marchigiana bambini affetti da leucemia e tumori.

«Grazie alla generosità dei falconaresi – dice il coordinatore del gruppo comunale di protezione civile Mauro Malatesta – è stato donato qualche momento di spensieratezza e magari di felicità ai questi bambini». L’Ambalt è stata fondata il 17 aprile del 1984 su iniziativa di un gruppo di medici, genitori di bambini malati e volontari, per migliorare le condizioni di vita dei nuclei familiari che si trovano alle prese con la malattia oncoematologica pediatrica. Ad Ancona l’Ambalt gestisce una casa d’accoglienza a Posatora, nel complesso di Benedetto XVI, con 10 miniappartamenti destinati alle famiglie dei bambini ricoverati al Salesi o che arrivano ad Ancona per le terapie. Oltre a vitto e alloggio, offre sostegno anche burocratico alle famiglie, alcune delle quali arrivano dall’estero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento