Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Senigallia

Colpo in banca da 64mila euro con pistola e taglierino, in due rischiano il processo

La Procura ha chiuso l’inchiesta sul colpo alla Unicredit di via Leopardi a Senigallia del 31 agosto 2015. Due catanesi rischiano il rinvio a giudizio

Il volto parzialmente coperto, un taglierino e una pistola semiautomatica. Il colpo alla filiale Unicredit di via Leopardi a Senigallia del 31 agosto 2015 fruttò quasi 64 mila euro tra contanti e assegni. Ora due catanesi di 51 e 56 anni, rischiano il processo. La Procura di Ancona ha chiuso le indagini e formalizzato per entrambi l’accusa di concorso in rapina aggravata da cui si dovranno difendere attraverso l'avvocano anconetano Jacopo Saccomani (in foto a sinistra).

Saccomani-9 Secondo la ricostruzione degli inquirenti quel giorno i due fecero irruzione nella filiale Unicredit con le armi in pugno, minacciando apertamente clienti e dipendenti. Minuti di puro terrore, in particolare per una donna che proprio in quegli istanti stava versando in cassa circa 2 mila euro. I rapinatori l’hanno costretta a farsi consegnare l’intera somma poi, sempre sotto minaccia, hanno preteso dai cassieri 61.200 euro in contanti e cinque assegni da 806 euro complessivi. I malviventi avevano il volto parzialmente coperto, ma l’attività d’indagine ha portato gli inquirenti a ritenere che si trattasse proprio dei due siciliani. Entrambi erano già stati condannati in precedenza per reati analoghi e ora le carte sono al vaglio del giudice per le indagini preliminari, che dovrà decidere in merito al rinvio al giudizio dei due indagati. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo in banca da 64mila euro con pistola e taglierino, in due rischiano il processo

AnconaToday è in caricamento