Cronaca

Palpeggiò una 14enne sul bus, va alla polizia per la richiesta di asilo e viene arrestato

Il ragazzo, ubriaco a bordo di un autobus di linea, prima importunò l'autista per poi cominciare a palpeggiare nelle parti intime la bambina. Ora è stato arrestato

PORDENONE - Alle spalle una condanna per violenza sessuale su una ragazzina minore di 14 anni, è stato arrestato ieri mattina dai poliziotti dove lui stesso si era presentato spontaneamente per presentare richiesta di asilo.

L'uomo, un 30enne pakistano, è stato smascherato dagli agenti dell'Ufficio Immigrazione della Questura di Pordenone. I poliziotti, insieme ai colleghi della Squadra Mobile, verificando la domanda compilata, hanno notato che risultava gravato da un condanna definitiva a un anno e 9 mesi di carcere per violenza sessuale nei confronti di una ragazza di 14 anni, reato commesso il 14 aprile 2014 in provincia di Ancona, con sentenza diventata definitiva a novembre 2015. In quell'occasione il ragazzo, ubriaco a bordo di un autobus di linea, prima importunò l'autista per poi cominciare a palpeggiare nelle parti intime la bambina. Arrestato e sottoposto ad alcuni mesi di custodia cautelare in carcere, rimesso il libertà, si era reso irreperibile lasciando il territorio nazionale. A suo carico sono infatti risultati controlli in Germania tra il 2015 e il 2016. La sentenza per la violenza sessuale è divenuta definitiva nel novembre 2015 e la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, nel maggio del 2019, ha emesso l'ordine di esecuzione per la carcerazione. Ieri l'epilogo della vicenda giudiziaria con l'arresto del 30enne, portato nella Casa Circondariale di Treviso dove sconterà la condanna per la violenza sessuale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palpeggiò una 14enne sul bus, va alla polizia per la richiesta di asilo e viene arrestato

AnconaToday è in caricamento