Prelevava denaro dai conti presentando documenti falsi, denunciata una 23enne

La ragazza, una studentessa indiana di 23 anni, si presentava ai vari sportelli della banca e consegnava fotocopie di documenti d'identità intestati ad alcuni suoi connazionali

I controlli dei Carabinieri

MONTEMARCIANO - Una studentessa di 23 anni è stata denunciata perchè sorpresa a prelevare dei soldi dai conti correnti de parenti, dopo aver falsificato i documenti.

La ragazza, una studentessa indiana di 23 anni, residente a Serra dè Conti, si presentava ai vari sportelli della banca e consegnava fotocopie di documenti d'identità intestati ad alcuni suoi connazionali, sovrapponendo la sua fotografia a quella degli intestatari e falsificandola firma sulle distinte di prelevamento. Proprio per questo gli impiegati erano caduto in errore, consegnando alla giovane somme di denaro in contanti fino a 10.500 euro. Lo scorso due marzo, la ragazza aveva eseguito due prelievi: ognuno di 2mila euro, da conti correnti intestati a due cittadini indiani. Il giorno dopo era riuscita a prelevare 20mila euro da un conto di una donna indiana, in una filiale di Senigallia, mentre il 4 marzo aveva effettuato tre prelievi: i primi due di 1000 euro ed il terzo di 2500 euro, da tre differenti conti correnti accesi presso le filiali di Jesi e Angeli di Rosora, intestati a loro volta a cittadini indiani.

L’indagine dei Carabinieri è partita da una segnalazione della filiale di Marina di Montemarciano della UBI-Banca Popolare di Ancona. La giovane interrogata nella Caserma dei Carabinieri di Montemarciano ha confessato gli addebiti. Si è giustificata dicendo che nel mese di febbraio aveva effettuato alcune contrattazioni in borsa attraverso un noto sito internet. Gli investimenti le avevano prodotto delle perdine e la giovane ha ammesso che per inesperienza si era fatta prendere la mano. Per coprire un “buco” di circa 7.500 euro che aveva creato sul conto corrente dei suoi genitori, collegato alla sua PostePay, aveva deciso di sottrarre il denaro a suoi conoscenti falsificando i loro documenti ed effettuando i prelevamenti dai loro conti correnti, poi aveva versato il denaro ricavato sul conto corrente dei genitori. La giovane ha precisato di essere legata alle vittime da vincoli di parentela ed aveva avuto la disponibilità dei loro documenti perché si occupava delle gestione delle loro spese. Per la giovane è scattata la denuncia per truffa, sostituzione di persona, falsità ideologica e atto falso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

Torna su
AnconaToday è in caricamento