Cronaca

Marche, con il Covid in aumento aggressività e disturbi psicosomatici fra i giovani

Tra gli adolescenti crescono aggressività e disturbi psicosomatici

Katia Marilungo

Al webinar Il coraggio delle relazioni: il senso di precarietà psichico in epoca Covid-19 di venerdì sera, organizzato dal “Circolo +76” di Osimo con il patrocinio dell’assemblea legislativa della Regione Marche e dell’Ordine degli Psicologi delle Marche, la Presidentessa Katia Marilungo ha messo in evidenza i disturbi più diffusi tra i più giovani durante la seconda ondata del virus. «Aggressività e disturbi psicosomatici sono fra i primi disturbi degli adolescenti durante la seconda fase del coronavirus- commenta la psicologa Marilungo - Con il lockdown e le sue successive fasi la famiglia ha rivestito tre ruoli: è stata al tempo stesso luogo di lavoro, di studio ma anche di isolamento e le conseguenze che oggi ravvisiamo, dati alla mano, su bambini ed adolescenti sono allarmanti: secondo lo studio della Società italiana delle cure primarie pediatriche, effettuato su duemila pediatri, l’80% dei medici segnala un aumento di comportamenti problematici e quasi la totalità (98%) lo segnala sui bambini».

Nei bambini i sintomi manifestati sono episodi di pianto inconsolabile, con una continua richiesta di attenzioni, inappetenza e disturbi del sonno. “Non mancano momenti in cui cercano rifugio a causa del grande senso di paura, alternati a manifestazioni di urla, scoppi di rabbia e aggressività verso oggetti e personale, reazioni riscontrate anche in preadolescenti ed adolescenti” commenta la Presidentessa Katia Marilungo. «Alla collera e all’aggressività verbale, nel caso dei più grandi, si associano anche le prime forme di ansia, tristezza e bassa autostima, mentre fra i disturbi psicosomatici i più diffusi sono il mal di testa ed il mal di pancia”. A risentirne non è solo l’umore, ma anche una serie di azioni che vengono controvertite: le lezioni scolastiche online comportano “difficoltà di concentrazione ed attenzione, nonché un generale rifiuto di fare i compiti”, anche in ragazzi che fino a questo periodo non avevano dato segnali di insofferenza verso l’attività didattica. “Questi sono tutti segnali tangibili di disturbi da stress post traumatico relativi al comportamento» ha concluso la psicologa. Intervenuti al webinar, oltre alla Presidentessa Marilungo, anche lo psicologo Antonio Zuliani esperto in situazioni emergenziali, il Comandante della Polizia Locale di Arcevia Luca Natalucci e la Dottoressa Annarita Durantini, Dirigente scolastica del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Ancona. A portare i saluti del Consiglio Regionale è stato il Presidente Dino Latini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche, con il Covid in aumento aggressività e disturbi psicosomatici fra i giovani

AnconaToday è in caricamento