Infarto allo stadio, guardalinee rianima uno spettatore: «E' il bello di essere arbitri»

Choc a Sassoferrato, il maceratese Andrea Pizzuti è anche soccorritore della Croce Verde: «In campo siamo abituati a prendere decisioni rapide: mi sono fiondato sugli spalti per salvarlo»

Andrea Pizzuti arbitro - foto Fabrizio Ottavi

Quando ha sentito le grida d’aiuto dalla tribuna, dopo il fischio finale, non ci ha pensato due volte: si è catapultato in tribuna per salvare la vita ad uno spettatore colto da infarto. Un dramma a lieto fine, anche se il 71enne è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale regionale di Torrette, dopo essere stato sottoposto a un’operazione in Cardiochirurgia. Provvidenziale è stato l’intervento di un guardalinee di 29 anni che insieme a un infermiere presente sugli spalti ha affrontato per primo l’emergenza, in attesa dell’arrivo del 118. 

E’ successo ieri pomeriggio allo stadio di Sassoferrato, al termine di SassoferratoGenga-Marina, gara del campionato di Eccellenza vinta dagli ospiti per 2-1. Le squadre stavano facendo rientro negli spogliatoi quando, durante il deflusso del pubblico, uno spettatore di 71 anni - ex giocatore ed ex dirigente del Marina, sempre al seguito della squadra - ha accusato un malore ed è svenuto in tribuna. Di fronte a quella scena, si è subito attivato Andrea Pizzuti, assistente arbitrale di 29 anni della sezione di Macerata, che aveva appena portato a termine il match insieme al direttore di gara Matteo Santinelli di Bergamo e all’altro guardalinee, il pesarese Daniele Cordella. «Ho sentito le urla, ho visto quell’uomo a terra e mi sono fiondato verso il cancello per farlo aprire dal custode» racconta Pizzuti che, oltre a correre la domenica sui campi delle Marche, è anche autista soccorritore della Croce Verde di Morrovalle e Montecosaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’assistente arbitrale ha preso in mano la situazione insieme a Fabrizio Fabretti, infermiere di Torrette e padre di un giocatore del Marina. «Lo spettatore era in apparente arresto cardiaco - racconta Pizzuti - e aveva perso conoscenza. Abbiamo praticato le manovre di rianimazione, anche con l’uso del defibrillatore dello stadio che, però, non scaricava perché non c’erano i parametri adeguati. Il cuore ha ripreso a battere, poi è intervenuto il 118 con la Croce Rossa che ha proseguito il massaggio cardiaco. So che il paziente, quando è stato portato all’ospedale, aveva ripreso le funzioni vitali. Spero di ricevere buone notizie. Se nessuno fosse intervenuto tempestivamente, non ce l’avrebbe fatta. E’ il bello di essere arbitri: siamo abituati a prendere decisioni importanti in un lampo, anche se spesso veniamo additati di essere le pecore nere del calcio». Il 71enne aveva ripreso conoscenza quando è stato trasportato all’ospedale di Fabriano in codice rosso, per poi essere trasferito a Torrette per un intervento al cuore. Ora si trova nel reparto di terapia intensiva, sotto stretta osservazione dei medici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Ladri scatenati, scappano con oro e Rolex: i residenti scendono in strada armati

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento