Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Brucia l'alt dei carabinieri, inseguimento da film con refurtiva a bordo

Una volta fermato il 59enne di Macerata si è scagliato contro i carabinieri che lo hanno arrestato per violenza e resistenza. In auto aveva merce rubata: denunciato per ricettazione

Carabinieri di notti

Inseguimento a folle velocità per le vie di Loreto tra un'auto sospetta e la gazzella dei carabinieri. Con l'automobilista che ha tentato di speronare i militari e poi, una volta fermato, li ha aggrediti fisicamente tanto da costringerne uno a ricorrere alle cure del pronto soccorso. In arresto, per il reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali, è finito Roberto Morbidoni, 60enne maceratese già noto alle forze dell'ordine. L'uomo si trovava alla guida della sua Ford Focus quando è stato visto dai carabinieri, fermi al posto di blocco in località Villa Berghigna, superare pericolosamente tre auto che viaggiavano nella sua stessa direzione. I militari hanno alzato la paletta dell'alt ma l'auto ha proseguito la sua corsa a velocità sostenuta. A quel punto è nato un inseguimento durante il quale Morbidoni avrebbe, secondo gli uomini della stazione lauretana, tentato di speronare la gazzella. Quando finalmente è stato fermato il 59enne ha tentato di aggredire i carabinieri. Uno di loro è stato successivamente visitato al pronto soccorso dove i medici gli hanno riscontrato una lieve lesione alla gamba, guaribile in tre giorni. 

Non è finita qui. Morbidoni era in compagnia di un suo concittadino 60enne e a bordo dell'auto sono stati trovati un televisore, un compressore, un tagliaerba e tre grondaie in rame, risultate rubate da un'abitazione di Porto Recanati. Alla fine è stato denunciato per ricettazione mentre la merce è stata restituita al legittimo proprietario. Questa mattina è stato processato per direttissima al Tribunale di Ancona. Il giudice ha convalidato l'arresto e fissato l'udienza al 18 maggio. Fino al giorno del processo Morbidoni non potrà lasciare Macerata, luogo dove gli è stato fissato l'obbligo di dimora. Tra l'altro gli è stata anche ritirata la patente per guida pericolosa. Poco prima dell'inseguimento da film, la stessa pattuglia dei carabinieri era intervenuta in via Pizzardeto per i rilievi di un incidente. Ferito e ubriaco il conducente, un 28enne di Loreto. Positivo all'etilometro (1,79 g/l) l'automobilista era finito con la sua Smart addosso alla rotatoria con via Medi. Dal controllo della patente è emerso che già lo scorso anno, ad aprile, era stato fermato per guida in stato di ebbrezza. Gli è stata ritirata la patente. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brucia l'alt dei carabinieri, inseguimento da film con refurtiva a bordo

AnconaToday è in caricamento