Cronaca

Sequestrati al porto oltre 2mila lavabi in ceramica, provenivano dalla Cina

Nel corso delle verifiche è stato rilevato che i lavabi non erano conformi a quanto previsto dal Cpr

A seguito di un controllo effettuato nel porto dorico dai funzionari Adm dell'Ufficio di Ancona è stata bloccata una spedizione di 2.276 lavabi in ceramica, per un valore complessivo di 57.000 euro, che costituivano il carico di tre container provenienti dalla Repubblica Popolare Cinese e diretti a due importatori marchigiani per l'immissione in commercio. Nel corso delle verifiche è stato rilevato che i lavabi non erano conformi a quanto previsto dal Cpr - Regolamento Prodotti da Costruzione (Ue) 305/2011, che fissa le condizioni armonizzate per la commercializzazione dei prodotti da costruzione fornendo anche disposizioni sui concetti e l'uso della marcatura Ce.

Nello specifico i prodotti importati non rispettavano le condizioni dettate dagli artt.9 e 13 del predetto Regolamento Ue, per la non conformità della marcatura Ce sulla merce e la mancata apposizione sul prodotto da costruzione o sull'imballaggio dei dati necessari all'identificazione dell'importatore. Per le violazioni riscontrate si è proceduto al sequestro amministrativo ex art. 13 della legge 689/81 dei 2.276 lavabi in ceramica e all'irrogazione di una sanzione pecuniaria amministrativa, per ciascun importatore, per un importo minimo di 500 ad un massimo di 5.000 euro prevista dall'art.21, comma 2, del Dlgs 106/2017. Adm continua l'attività di controllo, a difesa del consumatore, finalizzata ad evitare l'introduzione di prodotti di origine estera non conformi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati al porto oltre 2mila lavabi in ceramica, provenivano dalla Cina

AnconaToday è in caricamento