«C'è una casa in affitto?» e derubavano anziani. Condannata la gang di truffatori

Operazione Go Away dei carabinieri: 14 anni complessivi di reclusione per tre ladri che con banali scuse, a caccia di soldi e gioielli, raggiravano nonnini in tutta Italia

Foto d'archivio

Stangata sulla gang che truffava e rapinava gli anziani: 14 anni di reclusione complessivi sono stati inflitti dal gup Francesca De Palma ai tre rom a processo nell’ambito dell’operazione Go Away: i carabinieri di Numana, guidati dal comandante Alfredo Russo (foto in basso) e coordinati dal pm Rosario Lioniello, nell’ottobre 2018 stroncarono una banda specializzata in furti e rapine, una ventina commessi in tutta Italia, tra il gennaio e il maggio 2018, per un bottino stimato in 150mila euro, non solo ad Ancona e nelle Marche (tra Marotta e Senigallia), ma anche a Terni, L’Aquila, Ravenna, Rimini, Firenze, Pisa, Treviso, Gorizia e Udine. L’indagine era partita proprio da una rapina a casa di un’anziana di Sirolo, nel maggio 2018: mentre due ladre stavano raggirando la donna, arrivò la figlia che, resasi conto della situazione, provò a fermarle, ma fu stata strattonata e scaraventata a terra con forza e quelle scapparono con soldi e gioielli. 

Utilizzavano sempre la stessa tecnica: si presentavano come coppiette interessate a prendere in affitto un appartamento e chiedevano informazioni, bussando alla porta di persone anziane. «Scusi, nel palazzo c’è qualcuno che sta vendendo casa?». Con questa domanda banale, riuscivano ad incantare le vittime e mentre un truffatore parlava e parlava, la complice si intrufolava in casa e arraffava di tutto: soldi, gioielli, ogni cosa preziosa che trovava nei cassetti. Se invece i proprietari non c’erano, allora usavano la forza: scassinavano serrature e spaccavano finestre per entrare. I carabinieri di Numana e della Compagnia di Osimo arrivarono a scoprire il poker di ladri rom (con tre arresti e una denuncia a piede libero), tutti domiciliati nel Lazio, dopo 5 mesi di indagini. 

Lunedì si è chiuso il capitolo con la sentenza di condanna per tre di loro, un ragazzo e due ragazze, che avevano chiesto il giudizio abbreviato (un quarto imputato, 49enne, procederà con rito ordinario): la punizione più pesante (5 anni e 4 mesi di reclusione, oltre a 2400 euro di multa) è andata a un 21enne. Cinque anni e 2 mesi (più 2300 euro di multa) alla complice coetanea e 3 anni e 5 mesi (e 750 euro di multa) alla terza componente della gang, una ventenne. Nonostante siano venuti meno alcuni furti e l’ipotesi associativa durante il processo, i tre sono stati interdetti per 5 anni dai pubblici uffici e verranno espulsi dall’Italia a pena espiata. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

Torna su
AnconaToday è in caricamento