Jesi, originali visite alla scoperta dei luoghi e personaggi di un tempo

Si vorrà mostrare ai visitatori e agli jesini non solo il patrimonio storico artistico, ma anche i luoghi più caratteristici e insoliti raccontando storie e anedotti di cui furono protagonisti personaggi singolari

Piazza Federico II

Proseguono le iniziative del Comune volte alla riscoperta e valorizzazione della parte storica della città, il cui programma completo è consultabile sul sito www.comune.jesi.an.it . L'intento è quello di mostrare ai visitatori e agli jesini non solo il patrimonio storico artistico, ma anche i luoghi più caratteristici e insoliti raccontando storie e anedotti di cui furono protagonisti personaggi singolari, espressione più autentica della "jesinità". 

Tutto ciò trova posto in "Ricordi di Jesi", il libro di Mario Bocchini che sarà presentato sabato prossimo, alle ore 17, presso il Palazzo dei Convegni in Corso Matteotti, alla presenza dell'autore e che diventerà il filo conduttore di originali visite guidate nei giorni successivi. La presentaizone coinciderà anche con l'apertura di una mostra con originali immagini di Jesi dello stesso Bocchini e con le ormai celebri opere d'arte raffiguranti monumenti e palazzi realizzate con i fiammiferi da Giorgio Rocchegiani (la mostra resterà aperta fino al 26 luglio).

Nel volume i ricordi dell'autore affondano nel centro storico, il cuore pulsante di una città ancora legata a un passato fatto di tradizioni e abitudini oggi perdute. Attraverso rapide descrizioni di luoghi caratteristici e di alcune figure della tradizione e dell'anedottica popolare, l'autore riporta in vita una galleria di personaggi un po' naif che si potevano incontrare tra i vicoli di San Pietro e le vie del quartiere Prato. Pezzi di vita vissuta emergono dalla pagine dei "Ricordi", mentre l'autore accompagna il lettore in un'immaginaria passeggiata per la Jesi di un tempo, testimone forse un po' malinconico di un'epoca perduta. 
Il libro, scritto di getto da uno jesino purosangue, alterna il dialetto a un italiano non sempre perfetto, sporcato o meglio insaporito con i termini e le espressioni del linguaggio popolare, nell'intento di conservare e mentenere vivo quel patrimonio di cultura materiale che è, in fondo, l'antropologia di una comunità. 

Lunedì 20 e mercoledì 22, a partire dalle 21,30, con prenotazione obbigatoria e per un massimo di 15 partecipanti, Mario Bocchini guiderà in un gustoso e insolito percorso di visita tutti coloro che vorranno ripercorrere fisicamente i luoghi  raccontati nel libro, ascoltando anedotti e curiosità di una Jesi popolare e genuina da conservare almeno nei nostri ricordi. Info e prenotazioni: 333 5468844.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento