Tenta di dar fuoco alla cattedrale, arrestato un giovane piromane

Il piromane ha tentato di allontanarsi ma è stato arrestato dai Carabinieri

I Carabinieri sul posto

“Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”. Il noto proverbio sembra quanto mai calzante per il 33enne “piromane” arrestato questa mattina dai Carabinieri della Compagnia di Senigallia dopo il terzo blitz di fuoco in cattedrale.

La ricostruzione

Oggi, pochi minuti dopo le 8:00, un giovane è entrato nella Cattedrale dedicata a “San Pietro Apostolo”, nella centralissima Piazza Garibaldi e si è diretto verso l’acquasantiera dove si è lavato le mani. Poi, dopo essersi guardato intorno per assicurarsi che non c’era nessuno ad osservarlo, è andato al secondo altare della navata destra, dedicato a “Santa Maria Goretti”, ha prelevato un lumino votivo acceso e lo ha posizionato sotto un lembo della tovaglia dandogli fuoco. Dopo qualche minuto le fiamme si sono propagate al vicino cuscino dell’inginocchiatoio confessionale in legno e alla stola in seta che si trovava poggiata sul mobile. Fortunatamente si è trovata ad entrare in chiesa una donna che si è accorta delle fiamme ed ha avvisato il parroco che è accorso con altri fedeli spegnendo le fiamme. Nel frattempo il piromane si era già allontanato facendo perdere le proprie tracce.

Avvertiti telefonicamente i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, dopo aver visionato i filmati delle telecamere di sicurezza, si sono messi subito alla ricerca dell’individuo che è stato ritracciato dopo qualche minuto nella vicina Piazza Saffi nei pressi della fermata degli autobus. Si tratta di un 33enne, incensurato, originario della provincia di Forlì-Cesena. L’uomo è stato riconosciuto anche per essere il piromane che ieri mattina, sempre in Cattedrale, aveva tentato di dare fuoco prima all’altare della cappella dedicata alla “Madonna della Speranza” nel transetto, intorno alle 8:30, e poi al primo altare della navata destra intitolato a “Sant’Andrea da Avellino”, alle 9:10. Era vestito anche con gli stessi abiti: un giubbotto marrone sopra una felpa grigia con cappuccio, un paio di pantaloni da ginnastica di colore blu con riga bianca sui lati ed uno zaino dietro le spalle. Il 33enne in caserma ha ammesso i fatti che gli sono stati contestati senza fornire alcuna motivazione né giustificazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stesso è stato tratto in arresto per il reato di danneggiamento aggravato in quanto commesso in luogo di culto. Nel pomeriggio avrà luogo l’udienza di convalida dinanzi al Tribunale di Ancona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Concorso pilotato per favorire la fidanzata di un medico, primario nei guai

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento