Cronaca

Senigallia, furto alla sala slot col barista presente: denunciati 2 giovani

I Carabinieri hanno denunciato due sospetti mentre ne mancano altri due all'appello. Mentre uno di loro distraeva il barista, gli altri 3 avevano forzato le slot sostituendo una parte elettronica per farsi pagare delle vincite fasulle

L'immagine dei presunti ladri in azione

Entrano in un bar e mentre uno di loro tiene impegnato il barista, gli altri vanno nella sala slot, forzano le macchinette e sostituendo le schede elettroniche si fanno pagare le monete per un totale di 1.000 euro. Quando il barista si rende conto, i 4 sospetti erano già filati via. I Carabinieri di Senigallia hanno denunciato due persone per un furto avvenuto lo scorso 1 ottobre al bar “Barchetipo” in Via Raffaello Sanzio. Si tratta di due rumeni rispettivamente di 27 e 26 anni, entrambi residenti in Provincia di Milano, di fatto senza fissa dimora e noti alle forze di polizia. Ad incastrarli è stata la spaycam del locale, mentre ora i militari sono all ricerca di una ragazza e di un quarto complice. 

E’ successo tutto poco prima della mezzanotte. I tre giovani in compagnia di una ragazza erano entrati nel bar. Mentre uno di loro era rimasto nei pressi del banco, gli altri tre (tra cui la ragazza) sono entrati nella saletta slot. Quello rimasto al bar ha tenuto occupato il barista con continue richieste di consumazioni, in modo da impedirgli di guardare le telecamere che riprendevano la saletta giochi. Tuttavia, il barista si é insospettito perché il ragazzo era stato tutto il tempo col telefono cellulare all’orecchio senza mai parlare con nessuno. Così il barista ha voluto andare a controllare nella sala slot, mentre i tre, sorpresi dall’arrivo inaspettato del barista, si sono allontanati uno alla volta come se nulla fosse. A quel punto il barista ha chiamato il titolare dell’esercizio che a sua volta ha composto il 112.

I militari giunti sul posto hanno guardato le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza, scoprendo così che quei ragazzi avevano forzato lo sportellino di due delle cinque video slot e sostituendo momentaneamente la scheda elettronica avevano indotto le apparecchiature a pagare il corrispettivo in moneta di false vincite. Nel giro di pochi minuti il gruppo si era impossessato della somma in contanti di 1.000 euro. Dopo pochi giorni di indagine, i Carabinieri hanno così individuato alcuni sospettati, anche grazie al confronto fotografico con alcuni testimoni, du tutti il barista. E’ poi emerso che i due rumeni, nel periodo dal 24 settembre al 2 ottobre, avevano alloggiato in un albergo di Ancona

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senigallia, furto alla sala slot col barista presente: denunciati 2 giovani

AnconaToday è in caricamento