Cronaca

Picchiata dal compagno e vessata dai suoceri: «Stai zitta o sai come finisce»

L'ex fidanzato e i suoi genitori avrebbero picchiato e malmenato per oltre un anno la 26enne di Senigallia. Lei poi ha denunciato alla polizia

Le imponevano ad ogni costo il loro stile di vita e con insulti, botte e minacce volevano piegarla alle loro regole di sottomissione. Rinviati a giudizio ieri dal Gup Paola Moscaroli l’ex fidanzato e i suoceri, rom falconaresi, per lesioni aggravate, maltrattamenti aggravati in famiglia e stalking.

La donna, una giovane mamma di 26 anni di Senigallia, difesa dall’avvocato Alessandro Calogiuri, ha mosso pesanti accuse nei loro confronti. Ha raccontato come l'ex compagno le avesse rivolto frasi del tipo: «Sono io l'uomo, comando io. Tu stai zitta, se no sai come va a finire: parli quando te lo dico io, non decidi tu, sei falsa». Mentre era incinta (oggi il piccolo ha due anni) l'uomo l'avrebbe schiaffeggiata fino a farla cadere a terra. Inoltre i genitori di lui, stando al racconto della giovane, le avrebbero impedito di stare insieme al suo bambino se non nel momento dell'allattamento. E anche il cellulare sarebbe stato controllato e ispezionato dai genitori dell'ex. Dal canto loro la coppia di 44enni, difesa dall'avvocato Matteo Bettin, e il giovane papà, tutelato dall'avvocato Stefano Gerunda, negano ogni accusa. Il processo per loro si aprirà il 14 ottobre davanti al collegio penale. 

La tremenda sottomissione sarebbe durata fino a novembre del 2020 quando la donna si è rivolta alla Squadra mobile di Ancona chiedendo di essere trasferita con il figlio in una struttura protetta lontano da quella realtà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiata dal compagno e vessata dai suoceri: «Stai zitta o sai come finisce»

AnconaToday è in caricamento