Idrocarburi nell’aria, dopo i sopralluoghi scatta la segnalazione in Procura

La Polizia Municipale invia, senza individuare reati e contro ignoti, un’informativa all’autorità giudiziaria dopo i controlli notturni nelle case dei residenti

La Municipale di Falconara in Raffineria (foto di repertorio)

Due notti di segnalazioni per odori di zolfo e idrocarburi nell’aria. Poi, il video della torcia della Raffineria Api con fiamme altissime che fa il giro dei social e colleziona centinaia di condivisioni e commenti di protesta. L'attività "anomala" della torcia va ricercata nello spegnimento degli impianti. Da ieri, domenica 7 gennaio, la raffineria ne sta fermando alcuni per la manutenzione. Le puzze, tuttavia, restano un mistero. Fanno fatica le autorità competenti a risalire con certezza alla loro origine. Manna per chi è a caccia di complotti. I venti nelle notti in questione, secondo anche la Capitaneria di Porto, spiravano da sud/sud est. Il che esclude la Raffineria visto che però far arrivare gli "odori" in città servirebbe un vento in direzione contraria. Vero è che aziende con emissioni in aria, a Falconara ma anche nel resto della zona Aerca, non mancano. Ad ogni modo, collegabile o meno, la torcia ha esasperato animi già provati. 

In campo Arpam, vigili del fuoco e la Polizia Municipale con quest’ultima che, a fronte delle segnalazioni arrivate nel weekend, ha inviato alla Procura della Repubblica di Ancona una segnalazione su quanto avvenuto. I primi casi, che vi abbiamo raccontato nei giorni scorsi, sono riferibili alla notte tra giovedì 4 e venerdì 5 aprile. Arpam e Polizia Municipale, la mattina di venerdì, si sono presentati alla Raffineria Api per chiedere la documentazione delle emissioni e delle operazioni tra gli impianti. Il fascicolo sarà poi visionato dai tecnici Arpam. Dopo una notte di calma (quella tra venerdì 5 e sabato 6) quella dell'Epifania (verso domenica 7, per intenderci) i centralini hanno ricominciato a suonare. La Polizia Municipale, tra le 23 e le 2 di notte, ha effettuato una dozzina di sopralluoghi negli appartamenti di Falconara Alta e Palombina Vecchia. Al loro arrivo gli odori non c'erano più ma, ad ogni modo, il Comando ha inviato una segnalazione alla Procura. Anche ieri le centraline Arpam per il monitoraggio della qualità dell'aria non hanno evidenziato superamenti delle soglie di legge. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento