menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spuntano telefonini e tablet al concorso per infermieri: scoppia il caos

I candidati sarebbero stati lasciati entrare al Palarossini con le borse al seguito, senza far lasciare i supporti elettronici. Ne è seguita un'ondata di proteste culminata con l'intervento delle forze dell'ordine

È finito con l’intervento delle forze dell’ordine il concorso per infermieri che si è tenuto giovedì al Palarossini di Ancona. Ben 2500 candidati si erano presentati da tutta Italia nella speranza di essere fra i 3 fortunati vincitori del posto in palio per l’Area Vasta 3, quella della provincia di Macerata, ma il servizio d’ordine – riporta il quotidiano il Messaggero – non pare sia stato fra i più efficienti: i candidati infatti sarebbero stati lasciati entrare con le borse al seguito, senza far lasciare cellulari e tablet come di solito accade in casi come questo.
Alcuni candidati avrebbero dunque approfittato della cosa aprendo in anticipo le buste ricevute con la prova – senza attendere il via libera del presidente della commissione – e cominciando forsennatamente a cercare risposte e suggerimenti online, avvalendosi dei supporti che avevano con sé.

C’è da dire che la tensione era palpabile già da prima: i candidati avevano infatti dovuto sopportare ben 5 ore di attesa, cominciando la prova alle 14 invece che alle 9 del mattino. Ma questa palese irregolarità sarebbe stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Alcuni candidati avrebbero dunque – comprensibilmente – cominciato a protestare, chiedendo ai controllori di intervenire. Tuttavia – riporta sempre il quotidiano – nessuno sarebbe intervenuto, e il clima si sarebbe surriscaldato con fischi e grida di “Buffoni!”, culminando poi con la chiamata e l’intervento di carabinieri e polizia, che non hanno ravvisato reati ma che potrebbero raccogliere le denunce della mancata correttezza dello svolgimento del concorso.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento