menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fabriano: arrivano gli Alpini per liberare la città

Sono arrivati nelle prime ore della mattina a Fabriano, e si sono messi a disposizione del Centro Operativo Comunale, cinque militari con due grandi mezzi capaci di muovere notevoli masse di neve

Sono arrivati nelle prime ore della mattina a Fabriano,  e si sono messi a disposizione del C.O.C. -Centro Operativo Comunale, cinque militari con due grandi mezzi capaci di muovere notevoli masse di neve. I due mezzi sono una pala meccanica New Holland gommata e catenata ed un camion.
I cinque militari sono tre del Reggimento Guastatori Alpini di Trento e due del Genio Ferrovieri. Il gruppo è guidato dal maggiore Lucchetti che coordina il gruppo militari presso la sala emergenza della Provincia di Ancona.
I due mezzi a disposizione, tra cui una pala meccanica di notevoli dimensioni, saranno utilizzati dal C.O.C. per aprire zone in cui la neve è più consistente, in particolare – da subito - la zona ovest verso le frazioni di Serradica-Campodonico, S. Donato, e le altre in difficoltà.

Una piccola vittoria personale per il sindaco di Fabriano Roberto Sorci, che l'altro ieri aveva denunciato l'impossibilità di far ricorso ai grandi mezzi spartineve dell'esercito perché erano privi di catene.
La colonna si è aggregata alle squadre dei vigili del fuoco, per ripulire il tratto della Superstrada 76 Ancona-Roma da Fabriano verso le frazioni di Cancelli, Serradica, Campodonico.Poi,la pala si sposterà nella zona di Sassoferrato.
Soddisfatto il sindaco ("a cosa serve l'esercito senza catene, in un Paese di montagna come l'Italia?" aveva polemizzato), che fino a ieri poteva contare solo su una turbina a mezzadria con i comuni di Genga e Sassoferrato, anche loro sommersi dalla neve.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento