Corso Garibaldi, due furti nel giro di un'ora: denunciato un 42enne

In una delle traverse di corso Garibaldi, gli agenti notavano un uomo che corrispondeva alla descrizione delle due vittime il quale con passo veloce cercava di confondersi tra gli altri passanti, guardandosi in continuazione alle spalle

Le Volanti in centro

Due furti in meno di un’ora e arrestato un pluripregiudicato italiano di 42 anni. Il fatto risale a ieri mattina, verso le ore 11.00, quando il ladro non si era accontentato di aver rubato uno smartphone di ultima generazione a una donna mentre era intenta a compilare un bollettino alle Poste Centrali del capoluogo. Visto che il primo  colpo era andato a segno, decideva di dirigersi lungo le vie del centro storico in cerca di una nuova vittima. Il quarantaduenne ignorava però che la Polizia, saputo del modus operandi, aveva già capito di chi potesse essere. Agiva sempre così: entrava in un locale o un ufficio particolarmente affollato, si metteva pazientemente in coda e approfittando di un attimo di distrazione, con gesto fulmineo, faceva sparire il telefonino.

E così è stato anche per il secondo furto. Entrato in un esercizio commerciale del centro, ha atteso che la sua vittima prima di pagare appoggiasse il suo Samsung S.6 sul bancone con mossa velocissima lo sottraeva. Questa volta la vittima si accorgeva immediatamente del ladro e mentre gli altri avventori contattavano il 113, la donna, un’anconetana di 40 anni cercava di inseguire il malvivente che, però, faceva perdere le proprie tracce. Immediatamente i poliziotti intercettavano la donna e dal racconto intuivano che si trattava dello stesso ladro delle Poste.

In una delle traverse di corso Garibaldi, gli agenti notavano un uomo che corrispondeva alla descrizione delle due vittime il quale con passo veloce cercava di confondersi tra gli altri passanti, guardandosi in continuazione alle spalle come per sincerarsi che non vi fosse nessuno che lo seguisse. I poliziotti, scesi dall’automobile bloccavano l’uomo e lo identificavano. Accompagnato negli Uffici della Questura, gli venivano rinvenuti addosso, occultati nelle tasche dei pantaloni, i due telefoni cellulari. Oltre ai suoi precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, dovrà rispondere anche di furto. I due telefonini sono stati già restituiti ai legittimi proprietari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento