Cisl FP Marche, liquidità dei Comuni: «Servono risorse governative per garantire i servizi»

I sindacati funzione pubblica ribadiscono l'importanza di mettere in campo denaro per garantire i servizi e valorizzare il personale impegnato in questo momento drammatico

«Ha ragione il Presidente Nazionale dell'Anci De Caro quando sostiene che il sistema dei Comuni ha bisogno in tutta Italia di almeno cinque miliardi di euro per poter erogare i servizi ai cittadini e riconoscere l'attività svolta dai dipendenti». Queste le parole d'apertura del comunicato di Cisl FP Marche, il sindacato che tutela i lavoratori dei servizi pubblici. 
.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Anche nelle Marche, ove operano circa 10.000 dipendenti comunali, i Comuni hanno continuato in piena emergenza Covid ad erogare i servizi sospendendo i pagamenti dei tributi locali ed i piani di rateizzazione in essere. Sono state giustamente sospese anche le rette per gli asili e la mensa, ed anche le entrate derivanti dal sistema dei trasporti e parcheggi sono crollate. Contestualmente i dipendenti, anche da postazioni in smart working, non hanno mancato di dare supporto alla popolazione garantendo servizi fondamentali quale anagrafe e stato civile, i controlli previsti dall'emergenza Covid con la Polizia Municipale e più in generale l'intera attività comunale (uffici tecnici, ragioneria, informatica, servizi sociali ecc..). Tali servizi sono stati erogati, grazie anche agli accordi sindacali, in condizione di sostanziale sicurezza nonostante la drammaticità del momento. In queste settimane, i dipendenti comunali si sono messi a disposizione della collettività anche per accelerare l’erogazione dei buoni spesa, fondamentali per supportare le fasce più deboli della popolazione. Se però il Governo non procederà a una iniezione di liquidità al sistema dei Comuni, si rischierà nei prossimi mesi di non avere le risorse per garantire i servizi ai cittadini e valorizzare la professionalità e l'impegno dei lavoratori che nelle Marche hanno assicurato la piena operatività degli enti». La Cisl Fp Marche ritiene altresì che i Comuni debbano attivarsi con il Governo affinché i 100 euro lordi previsti dal Governo per chi ha lavorato a marzo coinvolgano anche i lavoratori in smart working e contestualmente prevedano risorse aggiuntive per premiare tutto il personale che sta dando prova di estrema serietà e professionalità in condizioni oggettive di estremo disagio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento