Cronaca

Castelfidardo: aggredisce Municipale e carabinieri, arrestato

Anche questa notte è scattato il dispositivo "Terra Sicura": fermato ad Agugliano un immigrato clandestino, mentre a Castelfidardo un pregiudicato 33enne ha aggredito 4 agenti, tra Municipale e Carabinieri

Anche questa notte i carabinieri di Osimo hanno attuato un servizio coordinato a largo raggio per il controllo del territorio ed il contrasto e la repressione dei reati contro il patrimonio e la persona, nonché il contrasto al fenomeno delle “stragi del sabato sera”.
L’operazione, estesa in tutta la Val Musone e lungo le strade principali di collegamento con il capoluogo di Ancona e verso la città mariana di Loreto, rientra nel dispositivo “Terra Sicura”, ed è stata portata a termine dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Osimo, nonché dalle Stazioni di Agugliano, Loreto e Castelfidardo, diretti dal Capitano Raffaele Conforti.

Ecco i risultati conseguiti:

AGUGLIANO. Nei pressi del Centro Commerciale “Socopad” sito in di Via De Gasperi i militari hanno fermato un uomo di colore che si aggirava a piedi con fare sospetto. Dall’identificazione è risultato essere I.F., nato e residente in Nigeria, Cl. 1977, senza fissa dimora, clandestino, celibe, nullafacente, pregiudicato.
Dagli accertamenti è emerso che a carico del nigeriano risultava un “Decreto di Espulsione ed Ordine di Abbandono del Territorio Nazionale” emessi rispettivamente dal Prefetto e Questore di Foggia nel 2007.
Il giovane è stato quindi denunciato alla Procura di Ancona per “Inosservanza del Decreto di espulsione ed Ordine di abbandono” .

CASTELFIDARDO. I militari, attorno alle 2:30 del mattino, in un servizio coordinato per il controllo del territorio e del centro urbano di Castelfidardo, sono intervenuti in soccorso dei colleghi della Polizia Municipale, traendo in arresto per “Violenza e Resistenza a P.U. continuati” un cittadino romeno già noto alle forze dell’ordine identificato per:
O. T. N., nato in Romania in data 01.11.1979, residente in Loreto (AN), celibe, operaio, pregiudicato.
Fermato poco prima in Via Jesina, l’uomo si era opposto al controllo aggredendo con pugni e calci due agenti della Municipale, e sferrando poi dei calci anche ai due carabinieri intervenuti a supporto.
Gli agenti della Polizia Municipale sono stati medicati presso il Pronto soccorso dell’Ospedale di Osimo, e di quanto accaduto è stata informata la Procura di Ancona, che ha disposto nei confronti dell’arrestato la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo previsto per lunedì.  

Sempre a Castelfidardo, attorno all’1 e 30 i carabinieri hanno fermato un posto di blocco operato sulla Strada Statale “Adriatica” in località Monte Camillone, direzione sud, una Seat Cordoba di colore rosso, risultata di proprietà e condotta da P.M., nato e residente in Recanati, Cl. 1987, celibe, disoccupato, incensurato. Il veicolo che procedeva ad andatura anomala (a zig zag), veniva immediatamente bloccato evitando conseguenze peggiori.
Il conducente, che mostrava evidenti segni di ubriachezza, è stato sottoposto ad accertamento alcolemico con etilometro con esito positivo: l’uomo risultava avere un tasso alcolico illegale per un valore di g/l 1,02.
Pertanto, a carico del fermato, si procedeva al conseguente ritiro della patente di guida e trasmissione alla Prefettura di Ancona, nonché alla denuncia in Stato di Libertà alla Procura dorica per “Guida in Stato di Ebbrezza alcolica”

Nell’arco del servizio sono state elevate varie contravvenzioni per violazioni al Codice della Strada e sono stati effettuati 10 controlli a pregiudicati sottoposti alla detenzione domiciliare.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfidardo: aggredisce Municipale e carabinieri, arrestato

AnconaToday è in caricamento