Fiumi di cocaina ed eroina lungo la costa marchigiana, smantellata la rete di fornitori: 9 arresti

Il sodalizio era in grado di riversare ogni settimana lungo la costa ben 500 grammi di cocaina e 200 grammi di eroina per un valore stimato di 1 milione di euro in pochi mesi

Un posto di blocco in A14

Nove misure di custodia cautelare in carcere e il principale canale di rifornimento di droga nell’area dell’ascolano e nel fermano smantellato dalle Fiamme Gialle. I finanzieri del comando provinciale di Ascoli Piceno hanno chiuso ieri mattina l’operazione “Biancaneve 2017”, iniziata nel gennaio del 2017 con l’arresto di un 31enne napoletano residente a Pedaso. Il ritrovamento in casa dell’uomo di ben 154 grammi di cocaina oltre a una pistola con matricola abrasa, proiettili, 2.000 euro contraffatti e 900 come provento dell’attività di spaccio aveva aperto un mondo ai militari e alla procura di Fermo. Dopo diversi arresti e sequestri nel corso del 2017 il quadro si è chiuso nelle ultime ore con l’arresto di nove persone.

Video: Operazione Biancaneve nelle Marche, il blitz della Finanza  

Un sodalizio criminale di matrice italiana, albanese e magrebina che, secondo gli investigatori, era in grado di riversare ogni settimana lungo la costa tra San Benedetto e Porto Sant’Elpidio ben 500 grammi di cocaina e 200 grammi di eroina per un valore stimato di 70mila euro settimanali. Conti alla mano, circa un milione di euro negli ultimi 4 mesi. A finire in carcere nelle ultime ore sono stati una magrebina di 47 anni domiciliata a Folignano, Un 28enne e un 29enne di Cupra Marittima, due marocchini di 28 e 31 anni a Campofilone, un 32enne albanese a Porto San Giorgio e un 36enne di Sant’Elpidio a Mare. Altri due arresti hanno riguardato anche un 31enne napoletano residente a Pedaso e un 32enne di Cupra Marittima, questi ultimi si trovavano già in carcere per reati analoghi. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati motocicli e autovetture del valore complessivo di 150mila euro, 4.285 euro provento di spaccio, 9 smartphone e una mazza da baseball in metallo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la procura faceva parte della stessa grande rete criminale anche un 29enne romano residente a Campofilone arrestato in flagranza di reato per estorsione nel maggio scorso oltre a diversi pusher finiti in manette sempre nel 2017 tra Spinetoli, Porto Sant’Elpidio, San Benedetto e Grottammare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Coronavirus avanza, chiudono le scuole superiori nelle Marche: ordinanza di Acquaroli

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, chiusure delle attività commerciali per evitare il lockdown

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Coronavirus nella scuola primaria, vanno in quarantena sette classi su nove

  • Accoltellato in strada mentre cammina, i carabinieri danno la caccia a 2 uomini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento