Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Scacco alla banda dell'Audi, inseguimento fino in Umbria: ladri arrestati nel loro bunker

Sgominato dai carabinieri il gruppo criminale: caccia a un quinto ladro che è riuscito a scappare dopo una colluttazione. Sequestrati chili d'oro, una pistola e due auto

Le auto della banda sequestrate dai carabinieri

Scacco alla banda dell’Audi. I carabinieri del Norm e della Stazione di Osimo, insieme ai colleghi di Filottrano, hanno arrestato 4 albanesi, tra i 27 e i 35 anni, clandestini e disoccupati, ritenuti responsabili di una raffica di furti in abitazione avvenuti nelle province di Ancona e Macerata nelle ultime settimane a bordo di un'Audi A4, ma anche di un'Alfa Romeo Giulietta. Sono finiti in manette ieri sera: dovranno rispondere a vario titolo anche di resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi, ma anche possesso ingiustificato di arnesi da scasso, ricettazione di targhe rubate, uso di documenti falsi e detenzione di droga ai fini di spaccio. 

Inseguiti fino in Umbria

L’operazione è scattata ieri pomeriggio, dopo alcuni furti avvenuti a Fabriano. I militari hanno seguito in una staffetta di controlli un’Alfa Romeo Giulietta che i residenti avevano visto aggirarsi in zona in modo sospetto. Montava targhe rubate nella stessa giornata di ieri a Castelbellino. L’auto è stata seguita fino ad Assisi. Cinque uomini sono stati fermati mentre scaricavano dei borsoni nei pressi di un’abitazione. Due sono riusciti a scappare, ma tre sono stati bloccati dopo una concitata colluttazione con i carabinieri, particolarmente pericolosa perché uno dei banditi era armato. Poi sono scattate le perquisizioni. Nella Giulietta sono stati trovati un piede di porco, cacciaviti e arnesi vari, berretti e una smerigliatrice con alcuni dischi. Uno degli arrestati, di 27 anni, nella cintura dei pantaloni custodiva una pistola Beretta calibro 7,65 rubata da un’abitazione di Ancona il 6 luglio scorso. In casa, invece, erano nascosti monili d’oro, gioielli, orologi Rolex per un valore di oltre 50mila euro, insieme a scanner portatili, passaporti, patenti e carte d’identità false rilasciati in Albania.

Le indagini 

In seguito, uno dei fuggitivi è stato raggiunto e ammanettato in un B&B a Trevi (Perugia) ed è stato trovato in possesso di 165 grammi di marijuana, due bilancini di precisione e materiale per confezionare le dosi, oltre a 4780 euro in contanti, un jammer per intercettare le comunicazioni, un chilo di monili d’oro e altri gioielli. Le indagini successive hanno permesso di ritrovare e sequestrare in una carrozzeria di Spoleto un’Audi A4 modello S4, intestata ad un prestanome di Roma, utilizzata dalla banda per commettere numerosi furti tra le province di Ancona e Macerata: originariamente era nera, ma era stata appositamente riverniciata di colore chiaro. Uno degli arrestati, un albanese di 39 anni, era ricercato da un anno e mezzo: il gip di Rieti aveva emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare il 23 marzo 2018 per evasione. Ora tre componenti della gang si trovano rinchiusi nel carcere di Perugia-Capanne, il quarto a Spoleto. Nei prossimi giorni saranno avviate le attività di riconoscimento della refurtiva per restituirla ai legittimi proprietari. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scacco alla banda dell'Audi, inseguimento fino in Umbria: ladri arrestati nel loro bunker

AnconaToday è in caricamento