rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Quartiere Adriatico / Piazza Camillo Benso di Cavour

Troppi writers e piccioni, sotto i portici di piazza Cavour c'è chi dice basta: «Ci chiedono dove sia il centro»

Una passeggiata che lascia l'amaro in bocca tra il guano dei piccioni e le scritte dei vandali vecchie di anni. Chi può fa da sé ma serve una bella ripulita alla zona

ANCONA - I negozianti sotto i portici di piazza Cavour chiedono aiuto: «Qui sotto è tutto sporco, bisogna fare qualcosa. Quando arrivano i turisti ci chiedono dove sia il centro». E, in effetti, passeggiando in questa zona è IMG-5369-2impossibile non notare il lerciume dato dal guano dei piccioni che ricopre il soffitto fino a colare negli angoli del pavimento. Per non parlare poi dei pilastri imbrattati dai writers che qui sotto si sono divertiti a sfogare negli anni la loro "vena artistica". Nonostante sia suolo pubblico «per evitare che entrino i piccioni dentro o che salgano sui tavolini ho comprato un dispositivo ad ultrasuoni - spiega Stefano Paolinelli, il titolare della pizzeria Da Sante in piazza Cavour - ma insomma la situazione è indecente. Basta alzare gli occhi e vedere in che stato versano i soffitti dei portici. Qui ci passano ogni giorno tante persone, si siedono ai bar o in pizzeria e certamente non è decoroso. Si potrebbero studiare dei modi per diminuire la presenza di piccioni e quindi di guano. Già sarebbe un bel passo avanti. Tramite l’amministratore del condominio sono state fatte tante segnalazioni al Comune ma, che io sappia, non si è mai avuta risposta a riguardo».

Intanto, proprio come Stefano, c'è chi si organizza da solo per salvaguardare il decoro di questa zona. Tra questi c'è Orsolina Tiranti della storia libreria che fa angolo con corso Mazzini. Con l'aiuto di un operaio sta dando l'antiruggine al chiosco e ha sistemato la tapparella imbrattata dai vandali: «Non si sono messi d'accordo tra condomini e così ora bisognerà aspettare a novembre prima che vengano a ripitturare». Proprio accanto all''edicola c'è la libreria Fogola presa di mira domenica da qualche baby vandalo che ha imbrattato il muroIMG-4756-2 ripitturato di fresco. 

Purtroppo a soffrire del problema degli imbrattamenti è un po' tutto il centro anconetano, da corso Garibaldi fino al Passetto. Anche la pensilina davanti alla fermata dell'autobus viene presa di mira costantemente. «Ci sono scritte vecchie di anni - lamentano gli operatori - ma i responsabili alla fine è difficile che paghino. Chi ci rimette siamo sempre e comunque noi che qui ci lavoriamo». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi writers e piccioni, sotto i portici di piazza Cavour c'è chi dice basta: «Ci chiedono dove sia il centro»

AnconaToday è in caricamento