Scomparso in Polonia il primo milite che liberò Ancona

Ultranovantenne, nella sua Cracovia, lo scorso venerdì 19 giugno. Era uno degli ultimi sopravvissuti tra i nostri liberatori di quella mattina del 18 luglio 1944

E anche Tomasz Skrzynski se n'è andato. Ultranovantenne, nella sua Cracovia, lo scorso venerdì 19 giugno. Era uno degli ultimi sopravvissuti tra i nostri liberatori di quella mattina del 18 luglio 1944.  Quel giorno fu invece il primo ad entrare nella nostra città in rovina, alla testa del 2° corpo d'armata polacco del generale Anders.

Entrò da Porta Santo Stefano. Alcuni spari e, dopo dieci minuti, per noi la guerra era finita.   Subito dopo lo vediamo in piazza Cavour circondato da uno sparuto gruppo di cittadini mentre spunta un tricolare con la croce sabauda e il vessillo polacco viene issato sulla statua del padre della patria.  
Tomasz ha partecipato ad altre battaglie e poi a tante cerimonie. E' tornato più volte in Italia, e ha accolto nostre delegazioni nella sua Polonia. Non lo dimenticheremo, a settantun anni dalla liberazione, e non dimenticheremo il contributo dato da lui e dai suoi compagni alla nostra libertà. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento